Pioverna da Passo Coe, anello

sentiero tipo,n°,segnavia: 26
difficoltà: T   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1606
quota vetta/quota massima (m): 1723
dislivello salita totale (m): 147

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Alpe Cimbra
ultima revisione: 23/11/16

località partenza: Passo Coe (Folgaria , TN )

punti appoggio: Passo Coe - Ristorante La Stua

accesso:
Passo Coe si trova a 9 km da Folgaria. Segnaletiche direzionali dalla rotatoria di Folgaria est (Fondo Grande - Fondo Piccolo - Passo Coe). Parcheggi liberi e a pagamento (a seconda della stagione) in prossimità del punto di partenza.

note tecniche:
Pioverna alta è un ampio dosso prativo, situato a 1770 m di quota, a monte del valico di Passo Coe. E' uno dei luoghi pù suggestivi dell'Alpe Cimbra che offre un panorama a 360° che coglie le più belle cime del Trentino meridionale. E' in primo luogo una malga, di norma monticata da giugno a settembre.

descrizione itinerario:
Da Passo Coe, in prossimità dell'Osteria Passo Coe, saliamo il dosso prativo soprastante (segnaletica), scolliniamo, raggiungiamo sella Val Orsara (prima linea austriaca durante la Grande Guerra) e saliamo, in buona salita, il sentiero che tra affioramenti di roccia, ci porta fin sul ciglio del pianoro pascolivo di Pioverna. Da questo punto il panorama è molto ampio, emozionante, dal profilo montuoso della Vigolana a Monte Maggio, ai rilievi del Pasubio. La Malga sta poco in alto. Attraversando il pascolo ancora segnato dai bombardamenti della Grande Guerra, raggiungiamo la Malga. Il luogo merita una sosta, sia per riposare che per godere del bel panorama. Ripresa la via del ritorno, a sinistra della Malga ci inoltriamo per il pascolo, ci teniamo sulla sommità del dosso e facciamo attenzione alla pozza alpestre che sta sotto di noi. La raggiungiamo e poco più in basso, sulla sinistra, a margine del bosco, notiamo la segnaletica direzionale che ci indica il sentiero da seguire. Ci inoltriamo così in un fitto bosco di abeti e rapidamente scendiamo a valle, a riprendere a circa metà salita il percorso dell'andata. Lo seguiamo a ritroso fino a raggiungere il Passo.

altre annotazioni:
Su questa altura, durante il primo grande conflitto mondiale, si svolsero aspri combattimenti. Era la prima linea austriaca, posta a poca distanza dalla prima linea italiana. A cent'anni di distanza sono ancora distinguibili, sui pascoli, i segni dei furiosi bombardamenti del maggio 1915, quando l'intera zona fu teatro delle prime fasi dell'Offensiva di primavera. Su questo terreno caddero centinaia di uomini.