Senter dela Gon da Guardia

sentiero tipo,n°,segnavia: 21
difficoltà: T   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Ovest
quota partenza (m): 863
quota vetta/quota massima (m): 1114
dislivello salita totale (m): 321

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Alpe Cimbra
ultima revisione: 23/11/16

località partenza: Guardia - Maso Grotti (Folgaria , TN )

accesso:
Guardia si trova a 9 km da Folgaria. Dalla rotatoria di Folgaria est raggiungere Serrada (5 km); davanti la chiesa deviare a destra e seguire la SS220 che scende a Guardia (4 km). Nei pressi del punto di partenza parcheggi pubblici liberi.

note tecniche:
La Gon è una fitta foresta di abeti sorta su una grande frana di massi caduta in tempi preistorici tra il pianoro di Guardia e l'ampio terrazzo su cui sorge l'abitato di Folgaria. Il toponimo, di origine tedesco-cimbra, indica proprio la frana, ora interamente coperta di bosco. Il percorso l'attraversa ed è l'antico collegamento tra il piccolo abitato posto sotto la vetta del Finonchio e il capoluogo folgaretano.

Molti sono i punti di interesse che interessano il Senter dela Gon. Il primo in assoluto è l'alta cascata dell'Ofentol, quindi il punto panoramico del Dos del Stock, il rio Mous e il Rio Cavallo - Rosspach e la stessa foresta della Gon che regala suggestioni naturalistiche e una gradevole ombra nei giorni più assolati. Il percorso è di media difficoltà, consigliato anche a famiglie con bambini +6 anni.

descrizione itinerario:
A Guardia, lasciata la macchina al parcheggio (in prossimità del maso Grotti), seguamo le indicazioni per la Cascata dell'Ofentol. Raggiunta la cascata, proseguiamo oltre, raggiungiamo il punto panoramico del Dos del Stock (bella veduta su Guardia) e ci inoltriamo per il sentiero che ci porta a oltrepassare il Rio Mous e che si immette sulla comoda strada forestale della Gon. Percorriamo in facile saliscendi la forestale, sempre avvolti da una rigogliosa foresta di abete rosso e larici. Raggiunto il ponte sul Rio Cavallo - Rosspach, proseguiamo in media salita fino a raggiungere l'area di Carpeneda. In questo ultimo tratto siamo a cielo scoperto. Affrontiamo dunque l'ultimo tratto in salita che ci porta fino a Folgaria, in prossimità del distributore di benzina, sulla SS350.