Carra Saettiva - Roc du Preve - Settore Dx Concatenamento Unione delle Forze + Giochi di primavera

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 1430
sviluppo arrampicata (m): 200
dislivello avvicinamento (m): 270

copertura rete mobile
wind : 60% di copertura

contributors: MaurizioDallaChiesa
ultima revisione: 15/10/16

località partenza: Borgata Merlo (Coazze , TO )

accesso:
Da Giaveno seguire Via Coazze e per la Frazione Forno tenendosi sulla sx Borgata Ponte Pietra; giunti al ponte sul Sangonetto prendere la strada sulla dx per Borgata Indiritto, oltrepassarla e proseguire verso Borgata Tonda, avanti fino ad un centinaio di metri prima di Borgata Merlo; qui parcheggiare l'auto in corrispondenza di un bivio sulla sx con strada sterrata e indicazione con cartello bianco e rosso con scritto "Carra Saettiva - Arrampicata" (circa 12 km da Giaveno).

Per raggiungere la parete seguire la strada sterrata brevemente fino alla deviazione sulla sx con scritta "P.sa Grangetta" (seguire nuovi cartelli "Roc du Preve"); imboccare questa deviazione fino ad arrivare ad un gruppo di baite (Bustera) dove c'è il sentiero che parte a sx segnato con targhe rosse/bianche .
Da qui seguire il sentiero che lascia le ultime baite, sale fino ad entrare nel bosco, prosegue in alto tra gruppi di rocce e poi gira verso sx fino ad arrivare alla parete (35-45 min).
In alternativa si può salire una delle vie del Roc neire Coulur e, dalla cima, salire per breve tratto e poi traversare a dx. (bolli Gialli); oppure salire per la via di discesa del Roc Neire Coulur, bolli gialli sulla destra orografica della parete.

note tecniche:
Attrezzata a spit nuovi, soste su due spit collegati. La chiodatura è abbastanza lunga. Possibilità di integrare scarse.
Roccia ottima. I tiri sono da 30 metri.
"Unione delle Forze", la via indicata con il n.ro 11 nello schema del settore dx del "Roc du Preve", attacca nei pressi di una targa commemorativa bianca (vedi immagine).
La via, ad un certo punto, incrocia la via "Elogio a Manno" per cui a metà via si trova una targa con l'indicazione di tale via.

descrizione itinerario:
La via affronta la prima parte per Unione delle Forze :
- L1 4+
- L2 6a
- L3 5a

A questo punto ci si trasferisce su Giochi di Primavera sfruttando gli ultimi due tiri della via indicata con il n.ro 13 nello schema del settore dx della Rocca del Preive (ovvero il proseguimento di Genesi dello Spettacolo) il cui secondo tiro sale nello spigolo fra Giochi di Primavera (a sx) ed Unione delle Forze (a dx) e presenta uno sviluppo complessivo (dalla base) di 100 mt. al termine del quale si può decidere come proseguire nella parte alta della struttura.
- L4 5c
partendo dalla sosta del terzo tiro di Unione delle Forze (Raumer con doppi anelli di calata integrati), anziché proseguire sulla fila di spit che sale verso dx (tracciato originale di Unione delle Forze), traversare a sx per qualche metro riportandosi in prossimità dello spigolo di cui sopra fino a reperire la sequenza di spit della via n.ro 13 , per poi proseguire dritti sulla seconda parte del secondo tiro della suddetta via, fino alla sosta (alcuni passi di 5c appena dopo il traverso);
-L5 5c
proseguire sul terzo ed ultimo tiro della via n.ro 13 che presenta alcuni passi interessanti di 5c ed una buona esposizione poco prima di arrivare in sosta.
Seconda parte su Giochi di Primavera:
dato che la sosta -finale- della via precedente (n.ro 13), è posizionata appena sotto il 5° tiro di Giochi di Primavera (vedi foto gita 24/06/2017 con relative indicazioni), il concatenamento procede sui tiri 5, 6, 7, 8 di quest'ultima via.

- L6 --> 5b
sebbene sia sempre possibile fare due tiri singoli (nel caso non si abbia corda a sufficienza) nel sesto tiro del concatenamento conviene comprendere sia il quinto che il sesto tiro di Giochi di Primavera (altrimenti il n.ro complessivo di lunghezze diverrebbe 9..)..
Il quinto tiro di Giochi presenta una sequenza di passi interessante (5b) visibile nella foto di kaneski commentata "passo strano stile strano".
Una volta usciti dal 5° tiro e giunti sulla cengia rocciosa alla base dell'avancorpo sovrastante, anziché andare a fare sosta sulla dx sfruttando una catena Raumer per le doppie (evitando quindi di spezzare il tiro) , si possono unire il quinto ed il sesto breve tiro di Giochi di Primavera salendo direttamente al disopra del suddetto 'avancorpo, superando un breve muro aggettante sulla dx, protetto da uno spit.
Dato che l'avancorpo presenta uno spigolo netto fra il muro aggettante e la sommità completamente piatta che si estende per qualche metro prima di incontrare nuovamente la verticalità della parete principale, per evitare che la corda faccia un attrito eccessivo (mentre si cammina sulla sommità dell'avancorpo o quando si assicura il secondo), conviene prendersi qualche metro di corda per andare ad ancorarsi su due spit non collegati (posti a sx di un pino) dove la parete principale riprende verticalità al disotto di un grande diedro obliquo/tetto..
Una volta attrezzata la sosta sui due spit con un -barcaiolo- (corda permettendo) conviene ritornare in prossimità del suddetto spigolo per potere assicurare al meglio, in vita, il secondo che sale (evitando in tal modo attriti durante il recupero).
.
- L7 5+ --> grande diedro/tetto obliquo che sovrasta l'avancorpo (settimo tiro di Giochi di Primavera, vedi foto del settore dx);
- L8 4 --> placca sommmitale (ottavo tiro di Giochi di Primavera, vedi foto del settore dx);

Discesa: doppie attrezzate su catene Raumer inox (ogni 25 mt. ) o alternativamente, sulla cima un cartello indica la via di discesa: sentiero con bolli gialli sulla destra orografica.

altre annotazioni:
Entrambe le vie, Giochi di Primavera (giugno 1990) e Unione delle Forze (primavera del 1991) furono attrezzate (spit) e salite per la prima volta da Maurizio Dalla Chiesa, Renato Poy e Ivo Bronzino.
Genesi dello Spettacolo che permette il concatenamento delle due vie è stata attrezzata in seguito.

Tutte le vie sono poi state riattrezzate a spit-fix INOX 10mm nell'ottobre del 2014.