Maccagno (Passo del) da S.Antonio

sentiero tipo,n°,segnavia: sentiero 5
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1381
quota vetta/quota massima (m): 2496
dislivello salita totale (m): 1115

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura

contributors: max58
ultima revisione: 04/10/16

località partenza: Sant'Antonio (Riva Valdobbia , VC )

accesso:
Con l’autostrada A26 in uscita a Romagnano Sesia. Seguire le indicazioni per Varallo e poi per Alagna fino a Riva Valdobbia. Tralasciare la prima indicazione per il paese e rimanere sulla provinciale verso Alagna fino a trovare una seconda deviazione per Riva con cartello indicatore per la Valle Vogna. Arrivati in vista del cimitero e di una piazza con parcheggio prendere la strada che sale a destra. Numerosi cartelli indicatori sono leggibili provenendo dall’altra direzione (consigliabile una ricognizione su Googlemaps). Seguire la strada asfaltata fino al suo termine a San Antonio. Piazzetta con chiesa e piccolo parcheggio appena oltre.

descrizione itinerario:
Salito al Passo del Maccagno in poco più di 4 ore. Lunga escursione consigliabile in autunno a causa della mancanza di alberi per la maggior parte del percorso. La parte alta è la più bella si incontrano diversi pianori con il torrente che vi crea una serie di piccoli da laghetti.
Dal parcheggio si segue la strada sterrata fino al suo termine a Peccia. Si prosegue su sentiero fino ad attraversare un ponte in pietra (ponte napoleonico). Si scende subito dopo a sinistra (indicazioni per sentiero 5 e carta dei sentieri presso il ponte) e si attraversa il torrente. Si segue il sentiero raggiungendo diversi alpeggi. Si riattraversa il torrente su un ponte di legno e si sale con tornanti fino a sbucare sul pianoro con i ruderi dell’alpe Carnino. Il torrente a monte esce da una forra che il sentiero supera a destra per arrivare infine alle alpi Maccagno. Non le si raggiunge, ma si guada il piccolo lago appena sotto le baite e si sale in direzione del passo ormai visibile fino a ritrovare i segnali. Più in alto il sentiero si muove tra grossi massi e lastroni di roccia ma i segnali sono sempre ben visibili.