Alpavin (Crete de l') da Pas du Rif

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1625
quota vetta/quota massima (m): 2730
dislivello salita totale (m): 1100

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: rolly52
ultima revisione: 01/10/16

località partenza: Pas du Rif (Villar-Saint-Pancrace , 05 )

accesso:
Da Briançon portarsi al villaggio di Villard St Pancrace e da qui seguire la D 36 per circa tre km.Si nota sulla sinistra una strada sterrata,con sbarra, senza indicazioni tranne il divieto di transito ai camper, che sale abbastanza regolarmente e con fondo accidentato, per circa tre km. Si arriva ad un pianoro dove si costeggia la Roche Baron, curioso panettone roccioso con numerose vie brevi di arrampicata. Da qui la strada volge a sinistra, supera un primo piccolo villaggio e conduce ad un secondo gruppo di case, Pas du Rif, dove conviene lasciare la macchina( spiazzo erboso subito dopo le case, sulla destra). La strada procede ancora per circa tre km fino ad una radura molto larga situata una decina di minuti prima del Calvaire du Vallon, il fondo stradale in questo tratto in genere è migliore della prima parte, (se si decidesse di salire fino al termine, il dislivello si accorcia a poco più di ottocento metri).

note tecniche:
Escursione in un vallone molto suggestivo , una sintesi perfetta dell'ambiente del briançonnais: guglie di roccia giallastra, ghiaioni, pascoli, foreste di larici e di pini cembri, panorami sconfinati, con vista mozzafiato sul Pelvoux e l'Ailefroide.Le segnalazioni sono assai carenti, ma l'orientamento, specie nella seconda parte, è semplice ed il sentiero è sempre visibile.
Nella prima parte, in caso di dubbio, seguire la strada che presenta tornanti facilmente accorciabili con scorciatoie.
Il vallone è molto conosciuto dagli scialpinisti

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto a Pas du Rif, si supera un ponte, poco dopo il quale si trova un'indicazione(una delle poche del percorso) per il Calvaire du Vallon. Seguire il ripido sentiero, poi, quando si ritrova la strada, rimanere sempre nelle vicinanze della stessa fino a quota 1900 m, dove si arriva ad una grande radura(cantiere a cielo aperto per la posa di un elettrodotto, settembre 2016).Al fondo della stessa si trova un cartello che indica il sentiero che in pochi minuti conduce al Calvaire du Vallon ( un crocifisso in legno e una baita). Si seguono labili tracce che attraversano la splendida radura, quindi si incrocia un cartello(L'Alpevin) che indica un sentiero che sale sulla destra.Si sale per una decina di minuti, fin quando inizia una ripidissima rampa. Sulla sinistra si nota una traccia(ometto e labilissimi segni rossi su un masso) che si segue in diagonale ascendente a sinistra, ripida ma comoda, fin quando non ci si affaccia su uno splendido pianoro. Da qui il percorso è evidentissimo. Si risale sempre in diagonale ascendente sulla sinistra (dx idrografica) il vallone, attraversando una ampio ghiaione e costeggiando alcune pareti di roccia molto pittoresche. Il vallone sterza bruscamente a destra, e con percorso più dolce conduce ad una sella(ometto) da cui, a sinistra e in pochi minuti, si arriva sulla Cresta dell'Alpevin.
Panorama a 360 gradi e bellissima vista, a sud, sul vicino Lac de l'Ascension)
Possibilità in pochi minuti di salire la vicina Roche de la Moutière.
Discesa dallo stesso percorso.