Schreckhorn Pillier Sud

difficoltà: TD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 2529
quota vetta (m): 4078
dislivello complessivo (m): 1550

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Brusch
ultima revisione: 29/08/16

località partenza: Grindelwald (Grindelwald , Interlaken )

punti appoggio: Schreckhornhutte

cartografia: Swisstopo 1229 Grindelwald; Swisstopo 254 Interlaken; Swisstopo 37 Brünigpass

accesso:
Stesso itinerario della via normale (cresta SO): da Grindelwald funivia per Pfingstegg e poi sentiero attrezzato per la Schreckhornhutte m 2529 (4-5 hr).

note tecniche:
Doppie da 30m. Richiesto set di friends BD. 3-2 e un gioco di nuts.

descrizione itinerario:
Dal rifugio ridiscendere sul ghiacciaio e seguire o la traccia sulla morena o costeggiarla sul ghiacciaio stesso se in buone condizioni. Un ometto sul sentiero segnala dove iniziare a salire.
Si segue la traccia (vari ometti) che per percorso abbastanza ripido conduce , a circa 3150 metri, alla base della cresta che scende dal Lauteraarhorn. Seguire a sinistra per ripidi pendii fino a raggiungere la conca glaciale sotto la parete sud dello Schreckhorn. Attraversarla in diagonale fino alla base del canalone principale della parete, quindi attraversare la crepacciata terminale.

A questo punto la via si divide dalla normale.

Dirigersi verso il couloir dominato dall’evidente pillier sud restando a sinistra (destra orografica) del suo asse.
Proseguire la salita lungo roccette/neve fino a dove il canale si stringe e si vede un caratteristico strapiombo da aggirare verso destra. Prestare attenzione alla caduta di pietre.
Seguire la costola di sinistra che discende dal pillier fino a quando questa diviene verticale.
Attraversare quindi tramite una stretta cengia su quella di destra. Affrontare un diedro (IV) e partire verso sinistra per un leggero strapiombo.
Rientrare nel couloir che divide le due costole e risalire fino alla base del vero pillier.
Traversare facile 10m verso sinistra e attaccare verticalmente un diedro/fessura fino ad una nicchia (qualche chiodo).
Risalire la placca di destra e poi riguadagnare il filo della cresta (V-).
Seguire i risalti successivi (IV e poi V-). Un ulteriore risalto (V+) può essere eventualmente aggirato sulla destra, riguadagnando il filo della cresta tramite un canalino umido.
Proseguire fino al termine delle difficoltà, quindi uscendo verso sinistra tramite una breve disarrampicata, guadagnare l’anticima e ricongiungersi alla normale. 10’ per la vetta.
Discesa lungo la cresta SO (normale) con numerose doppie in loco (corde da 30m).

altre annotazioni:
Prima salita H. Kocher, P. Luzuy, P. Pertrenoud, P. Girardin, 24 luglio 1955