Nasta (Uia Nord Ovest) Unicorno Glacé

difficoltà: 6b :: 6a obbl ::
esposizione arrampicata: Nord
quota base arrampicata (m): 2700
sviluppo arrampicata (m): 170
dislivello avvicinamento (m): 950

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Lorenz
ultima revisione: 15/08/16

località partenza: Pian della Casa (Valdieri , CN )

punti appoggio: Rifugio Remondino

bibliografia: All'ombra della Nasta di G. Bergese

vedi anche: http://www.montagnadiidee.it/wp-content/uploads/2011/12/Uia-N-di-Nasta-Unicorno-Glac%C3%A8.pdf

accesso:
Da rifugio Remondino percorrere il sentiero verso il lago di Nasta e quando questo piega a destra verso le balze rocciose, salire dritti faticosamente in direzione del bacino glaciale della Nasta.
Giunti nel bacino l'Uia è evidente e di solito all'attacco si trova sempre un piccolo nevaio (primo spit con fettuccia visibile).

note tecniche:
Via equipaggiata a spit ed integrabile con friends e coinceurs.

descrizione itinerario:
L1: 40m. 6b poi 6a - Si attacca direttamente al centro del bel muro ripido con una passo difficile poi direttamente su roccia molto lavorata e compatta
L2: 40m. 4a - Salire leggermente vero sinistra direttamente per belle placche poco difficili fino alla sosta alla base di un muro
L3: 40m. 6a - Salire direttamente poi leggermente a sinistra per reperire una fessurina, attraversare a desta qualhe metro per prendere una seconda fessurina che si segue fino alla sosta.
L4: 50m. 4c - Salire ancora direttamente alcune placche facili fina a prendere una fessura continua, abbastanza larga, per diversi metri per uscire poi per placche fino alla cima di una cuspide. Qui siamo sotto il muro della Guderzo, Abbiati Buscaglione (ben visibili i chiodi originali), appena a destra passa la via Morgana (spit con cordino appena sopra la sosta e catena alla fine del muro). Non ci sono spit sull'ultimo muro di 10 metri della via storica.

Discesa: in doppia sulla via.

altre annotazioni:
Via aperta da Paolo Cavallo e Barbara Buffa il 15/09/1991 e risistemata il 21/09/2013.
E' la prima via aperta moderna aperta dal basso con trapano nella zona della Nasta.