Taou Blanc (Monte) dal Lago Agnel

L'itinerario

difficoltà: BC :: BC+ :: S2 :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 2360
quota vetta/quota massima (m): 3438
dislivello salita totale (m): 1310
lunghezza (km): 23
disl. da portare (m): 400

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Rocciaclimb
ultima revisione: 11/08/16

località partenza: Lago Agnel (Ceresole reale , TO )

note tecniche:
Bella e lunga gita dalle difficoltà contenute in discesa e con ciclabilità totale in salita fin sotto il Colle Leynir,poi portage fino in vetta.
Appena oltre il colle si deve superare un salto roccioso molto ripido tramite un diedro/canale di circa 20mt. di cui 4 impegnativi (I°); prestare molta attenzione specialmente in discesa in quanto questo tratto sarebbe banale con 2 mani libere ma con la bici in spalla che sbilancia le cose cambiano notevolmente.
Ambiente magnifico con tantissimi laghi e vista a perdita d'occhio.

descrizione itinerario:
Partenza dal 2° tornante sopra il Lago Agnel (durante il periodo estivo la strada è chiusa al Lago Serrù) x ridurre al minimo l'asfalto ma si può partire benissimo dal Lago Serrù o da Chiapili di Sopra salendo x il Sentiero Del Re che sbuca proprio al tornante sopra citato.
Seguire la strada fino al Colle del Nivolet e poi scendere ai Piani del Nivolet,dove dietro il Rifugio Savoia parte uno sterrato molto ripido inizialmente che conduce ai pianori superiori.
Si continua su facile sentiero passando vicino lo splendido Lago Rosset e si continua con lunghi traversi e tornanti fino ad una conca racchiusa sotto la Punta del Bes. Una breve discesa porta all’inizio della valletta che proviene dal Col Leynir; ora si pedala su sabbioni rossastri fino ad un bivio dove si prenderà il ramo di dx (quello di sx verrà usato x la discesa). Ancora pochi metri e comincia un breve tratto di portage per superare una zona ostica,si tornerà in sella per affrontare l'ultimo traversone verso il colle.
Da questo punto sarà tutto portage fino in vetta con brevi tratti a spinta; poco oltre il colle si supera un diedro/canale di circa 20mt (I°) che ci porta ai pendii finali dapprima dolci e poi via via sempre più ripidi.
Una facile arrampicata finale permette di guadagnare la cima.
DISCESA:
Il terreno è detritico/terroso con ghiaino fine e benchè le difficoltà siano basse (S1/2) risulta difficile stare in sella x via della scarsa aderenza.
In prossimità del tratto roccioso si incontra qualche tratto più impegnativo.
Superato questo punto si torna in sella e si riguadagna il colle,si prende la diramazione di dx e si segue il percorso di salita fino al Lago Rosset (S1,tratti S2).
Si prende ora un bel sentiero sulla dx dapprima su prato e poi ad ampi tornanti e tratti tecnici (S2max) che ci riporta sull'asfalto poco più sopra del Rif.Savoia.
Si riguadagna il Col de Nivolet e si scende su asfalto fino al Lago Losere dove si sale brevemente tramite la mulattiera Reale fino ad un colletto che si affaccia sulla Valle Orco. Inizia qui la discesa, molto bella e panoramica;dopo un tratto impegnativo (S2) si incontra un bivio, andremo a destra con indicazione Bastalon e Buffà. Un breve tratto impegnativo tecnicamente porta al Casotto del P.N.G.P. Bastalon e da qui con altre sezioni tecniche ma mai troppo difficili (S2max) sulla Mulattiera del Re che se seguita verso dx ci porterà in piano alla macchina.


Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale