Grand Bérard (le) dal Vallon Bérard al Vallon du Parpaillon, anello

difficoltà: EE/F :: :: :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1840
quota vetta/quota massima (m): 3046
dislivello salita totale (m): 1210

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Giada
ultima revisione: 12/07/16

località partenza: Pont du Bérard (La Condamine-Châtelard , 04 )

cartografia: IGN 1:25.000 3538 ET AIGUILLE DE CHAMBEYRON COLS DE LARCHE E DE VAR

bibliografia: Les plus belles randonnées des Alpes du Sud

accesso:
Dal Colle della Maddalena scendere verso Barcellonette, giunti a La Condamine Chatelard svoltare a destra per Ste-Anne la-Condamine, prendere per Le Pras e poi su buon sterrato per la Chappelle de Ste-Anne e Tunnel du Parpaillon, giunti al Pont du Bérard m.1840 posteggiare in uno slargo prima del ponte.

note tecniche:
Ascensione al Grand Berard facendo il giro completo della montagna che è il punto più alto della lunga catena montuosa che dal Col di Var va con andamento est/ovest a scendere nel lago di Serre Poncon.
I due valloni di salita e discesa sono superbi e selvaggi, il sentiero PR e GR che li percorre è dolce e ben percorribile. La Grand Bérard si sale lungo la cresta sud, su terreno infido, tenendosi sempre sul versante ovest e il più possibile vicino alla cresta, nella parte terminale su di essa.

descrizione itinerario:
Subito dopo il pont du Berard parte il sentiero sulla sx della strada (palina del PR Tour du Grand Bérard) il sentiero si innalza e poi diventa pianeggiante, scende leggermente fino al livello del ruscello a quota 2000 m. circa, sx orografica, e passa dall'altro lato proseguendo sulla dx orografica.
Sale dolce lungo tutto il selvaggio Vallon du Bérard, ogni tanto diventa traccia nelle pietraie ma appaiono degli ometti quando servono. Intanto alla nostra destra si fa sempre più imponente la nostra meta.
Il sentiero quando arriva alla testata del vallone, dopo una serie di lunghi tornanti, passa di nuovo sulla sx orografica del ruscello e sale a tornanti e traversi l'ultimo erto pendio sino a sbucare al Pas du Reverdillon m.2825 (palina), tra la Chalanche a sx e Le Grand Bérard a dx.
Dal passo appare la lunga e ripida cresta sud del Grand Bérard, la cresta è divisa in tre risalti, ma per effetto ottico sembra una sola cresta continua.
Si segue il sentiero verso dx/nord che porta verso la cima, si rimane sempre sul lato sx/ovest della montagna. Il sentiero supera il primo risalto a sx e diventa sempre più esile, rimane solo qualche traccia e degli ometti, tanti, che a volte possono confondere, il terreno è delicato e la roccia non è buona, accertarsi sempre della tenuta di dove si mettono i piedi e dove ci si tiene.
Si supera il secondo risalto più o meno direttamente, è meglio rimanere in prossimità della cresta e non addentrarsi nel fianco ovest della montagna dove è peggio.
Dopo il secondo risalto, su un colletto in piano, non farsi attrarre da una traccia esile ed esposta che va in piano verso ovest, ometto al suo finale all'orizzonte dove gira il versante, ma salire, sempre rimanendo a sx della cresta, in un pendio/canale tra gradini rocciosi e sfasciumi, sopra la traccia da non fare, e puntare ad un ometto obliquando verso sx, da qui per cenge, sfasciumi e saltini rocciosi andare di nuove verso la cresta e salirla fino alla cima dove è meno ripida.
Grande ometto in pietre e un grosso segnale geodetico, m.3046. Dalla cima, la più alta della catena del Parpaillon, si gode di un grande e ampio panorama.
Dalla cima si ritorna al Pas du Reverdillon facendo molta attenzione visto il tipo di terreno, dal passo si scende verso ovest/dx, seguendo il sentiero PR, nel superbo Vallon du Parpaillon.
Il sentiero si perde quando attraversa una grossa colata di pietre e terra dura scesa dalla Chalanche, ma la si attraversa seguendo qualche traccia e facendo un po di attenzione, lo si ritrova dopo più in basso e di nuovo ben marcato, si arriva in un verde pianoro e ci si immette sul GR-6 56 (palina e segnavia) che va a sx al Col de La Pare e a dx scende lungo il bellissimo Vallon du Parpaillon.
Noi scendiamo a dx nella vallone del Parpaillon sul bellissimo, dolce e lungo sentiero. Giunti quasi in fondo, ad una malga il sentiero diventa strada sterrata, attraversa il ruscello, e seguendola ci si va ad immettere sulla strada sterrata che sale al Tunnel du Parpaillon, nei pressi della Cabane du Parpaillon.
Non rimane ora che percorrerla verso dx in discesa fino ad arrivare al Pont du Bérard dove si ritorna all'auto concludendo l'anello del Tour du Grand Bérard.

altre annotazioni:
Le Grand Bérard fu salito la prima volta nel 1820 dal Capitano Durand, per alpinismo, ma soprattutto per scopi militari per il posizionamento del segnale geodetico.


Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale