Militi (Parete dei) Diedro Giallo

difficoltà: 6b :: 5c obbl :: A0 ::
esposizione arrampicata: Est
quota base arrampicata (m): 1700
sviluppo arrampicata (m): 350
dislivello avvicinamento (m): 50

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: piero.bertotto
ultima revisione: 10/07/16

località partenza: Bardonecchia (Névache , 05 )

punti appoggio: Rifugio III Alpini o Re Magi, Grange di Valle Stretta. Alberghi a Bardonecchia

cartografia: IGN 3535OT Nevache Mont Thabor

bibliografia: Guida dei monti d'Italia, Alpi Cozie Settentrionali

accesso:
Parcheggiare l'auto al settore Tao al Piano dei Militi.

Dal parcheggio, settore Tao, costeggiare la parete verso sud fino al cono detritico, risalirlo seguendo la traccia (ometti) per 3/4 della sua altezza. La via attacca a destra del cono in corrispondenza di una evidente macchia rossa (nome) 10 minuti.

note tecniche:
L'itinerario rivisto e chiodato rispecchia quello originale, sono stati aggiunti tre tiri che permettono di uscire alla sommità della parete.
La via è stata richiodata nell'estate 2015 dalla Scuola Guide Alpine Valsusa seguendo le linee del "progetto di rivalorizzazione della Parete dei Militi" condiviso e finanziato dal comune di Nevache.
Un ringraziamento a Bruno Lomello per la collaborazione nella faticosa pulizia della parete e al Rifugio III Alpini per il supporto logitico.

Materiale: 2 corde da 50m, 13 rinvii, cordini per unire i punti sosta, qualche fettuccia per allungare le protezioni, casco.
La via è attrezzata con fix 10mm e chiodi. Soste con due punti con anello da unire.
Copertura gsm, segnale da S3 in poi

Suggerimenti:
si consiglia di frequentare l'itinerario dopo la metà di giugno e di non attaccare la via con cordate ancora impegnate nella prima parte (diedro di 90m)

descrizione itinerario:
Per la descrizione tiro per tiro si veda lo schizzo allegato (foto).

Discesa:
discesa a piedi, all'uscita della via risalire per prati per 30m, poi seguire gli ometti in direzione N-O fino a raggiungere il sentiero GR57/GR5 che dal Col di Thures porta alle Grange di Valle Stretta.
Discesa in doppia, sconsigliata (poco agevole e con rischio di incastrare le corde) è comunque possibile utilizzando le soste della via ( due punti separati con anello tranne S3bis)

altre annotazioni:
Aperta da Giacomo Menegatti e Guido Rossa nel 1953