Tardiva (Costa) da Gignod, giro per Rifugio Chaligne e Plan du Debat

difficoltà: MC / BC+ / S2   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 943
quota vetta/quota massima (m): 2410
dislivello salita totale (m): 1588
lunghezza (km): 25
disl. da portare (m): 200

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Rocciaclimb
ultima revisione: 06/07/16

località partenza: Gignod (Gignod , AO )

accesso:
Partenza dal parcheggio con fontana vicino al Municipio di Gignod prima del Camping Bellerive.

note tecniche:
Lunga salita su pendenze sempre poco sostenute con facile portage lungo il tratto finale. Discesa con una prima parte molto impegnativa (S3-S4), seguono poi tratti molto scorrevoli ad altri tecnici (da S0 a S2).
Molto particolare lo stretto traverso su ripido pendio erboso che collega il colle alla Costa Tardiva.

descrizione itinerario:
Da Gignod tornare sulla statale x il Gr. San Bernardo e quasi subito svoltare a sx, sempre su asfalto, toccando le frazioni di Caù, Champorcher, Collere, Morè e Petit Buthier. Continuare in salita fino a raggiungere l'inizio dello sterrato posto in prossimità del parcheggio per il Rifugio Chaligne.
La salita si svolge su pendenze mai eccessive e fondo sempre buono passando per Mendey, Roncaille e Roumbason; poco prima del RifugioChaligne svoltare a dx e dopo avere superato Collet si giunge ad Ars 1974 m.
Ora il fondo peggiora e le pendenze aumentano e dopo breve si deve procedere spingendo.
Tralasciando la strada che prosegue diritta si sale su strada inerbita e poco battuta verso sx e si raggiunge così l'AlpeTardiva 2220 m.
Il restante tratto è di facile portage su comodo sentiero ed in breve si toccano i 2410 m del Colle Tardiva.
Si prosegue ora sul sentiero n.3 a mezzacosta su pendio erboso molto stretto (10-15 cm) e ripido fino al paletto della Costa Tardiva.
Inizia ora la tecnica e difficile prima parte; raggiunto il ripetitore si scende su terreno scavato con numerosi tornanti vicini e alti gradoni (S3-S4) x i primi 200 m di dislivello.
Raggiunta una radura con panchine il terreno diventa scorrevole e piatto su aghi di pino (S0-S1) fino al Rifugio Chaligne.
Dal rifugio occorre proseguire diritti con breve risalita (sentiero 2a) fino ad una radura con panche dove arriva il sentiero che scende da Pian du Debat; svoltare a sx lungo il 2a ed in seguito poi 2 che con percorso a tratti tecnico su fondo roccioso,con radici e scalini ci condurrà a Gignod.
Per questo tratto la traccia gps è d'obbligo e benchè sia segnalato, in molti punti non risulta evidente ed intuitivo.
Dalla radura con panche si scende fino ad uno sterrato che va seguito in parte fino ad tornante dove si riprende il sentiero che porta a Ronc Parme, si prosegue diritti e si arriva a valle di Les Croux.
Proseguendo col 2 si arriva a Planet Fiou e appena dopo la bella chiesetta con affreschi prendere a dx la mulattiera che ci porterà sull'asfalto a Crè dove con breve risalita di nuovo al park di partenza.