Platasse (Tete) Via Normale da le Pontet

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1948
quota vetta (m): 2825
dislivello complessivo (m): 880

copertura rete mobile
wind : 20% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: luciastrek
ultima revisione: 15/06/16

località partenza: le Pontet (Larche , 04 )

cartografia: I.G.C. n°7 Valli Maira Grana e Stura

accesso:
Da Cuneo seguire indicazioni per valle Stura colle della Maddalena,si supera il colle e dopo circa 1 km appena superato il torrente Oronaye sulla dx si trova uno spiazzo per posteggiare,oppure poco più avanti sempre sulla dx,stradina.

note tecniche:
Gita in parte fuori sentiero,dopo il primo lago Oronaye il percorso diventa prativo, successivamente si sale un ghiaione instabile e mobile circa 250 metri fino al colletto non nominato in cartina,tra la parete est della Tete Platasse e la cresta che sale alla Aig.d'Oronaye,dal colletto gli ultimi 50 metri circa si possono salire su roccia oppure su neve o misto (da considerare che è la parete nord e che fino a fine giugno è possibile trovarci innevato) pendenza circa 35/40%.La Tete Platasse è la prima elevazione a est del M.Oronaye ed offre una bella vista sulla Valle Maira e Ubayette,è possibile in accoppiata alla Tete, ritornati al passo salire la l'Aig.d'Oronaye percorrendo la facile cresta in direzione est, circa 10 minuti e si è sulla cima.

descrizione itinerario:
Dal posteggio parte un sentiero che sale poco distante alla sx del rio Oronaye,si supera la baracca del pastore e successivamente si perviene ad un ripiano con grossi massi dove è possibile vedere la catena che dal M.Oronaye scende fino alla Punta Villadel e il percorso da seguire.Si segue il sentiero che prosegue sulla dx e che diventa più largo fino a guadare il rio Oronaye(é possibile guadarlo anche se non ci sono passerelle,o cercando un guado migliore a monte)poco oltre troviamo un laghetto,lo superiamo in leggera salita e quando appare sulla sx in lontananza un ruscello abbandoniamo il sentiero e ci dirigiamo per prati nella sua direzione,risaliamo i pendii alla dx del rio fino ad arrivare alla sua sorgente,da dove è possibile vedere la via nel ghiaione che bisogna salire fino al colletto( posto a sx della parete est della Tete di Platasse). Dal colletto si sale a dx per roccette sfruttando un piccolo intaglio e girando a sx fino alla cresta che conduce alla cima,oppure su terreno misto alla sx delle roccette.