Guide (Cima delle) Triple Indirect

L'itinerario

difficoltà: 5b :: 4 obbl ::
esposizione arrampicata: Ovest
quota base arrampicata (m): 900
sviluppo arrampicata (m): 400
dislivello avvicinamento (m): -550

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Titti85
ultima revisione: 21/05/16

località partenza: Parcheggio cima Mottarone (Mottarone , VB )

accesso:
L'avvicinamento è quello della via “don't cry for me Valentina”. Dal parcheggio prendere la strada sterrata per il rifugio cai Omegna e proseguire a destra in direzione Gravellona sempre su comoda sterrata. Superato il pilone di uno skilift individuare un sentiero sulla sinistra fino a un cartello indicatore per Gravellona. Da qui si vedono già i pilastri occidentali della cima Cusio.
Scendere sul sentiero che porta a un primo colle sotto la cima Cusio e aggirarla sulla destra passando su dei massi (vaga traccia e bolli blu sbiaditi) fino al colle delle guide posto tra la Cusio e la cima delle guide. Proseguire ancora sul sentiero lasciandosi la cima delle guide sulla sinistra fino al colle delle capre posto tra la cima delle guide e la cima tre guglie.
Scendere a sinistra per traccia nell'evidente ripido canalone erboso seguendo il percorso più logico e le corde fisse, fino a un piccolo castagno situato all'attacco della via carina. Proseguire in discesa nel canalone (V e freccia blu indicano la direzione) ora più stretto e roccioso. Si scende parecchio con facili passi in disarrampicata e corde fisse fino a dei segni di vernice gialla sulla sinistra. Seguire i segni gialli fino all'attacco, “V” gialla all'attacco.1ora circa

note tecniche:
Bella via che concatena i primi 3 tiri di don't cry for me Valentina, i primi 4 delle via carina, e gli ultimi 3 della via delle capre. Se pensate di fare una via continua vi sbagliate, ci sono dei collegamenti su erba ma sui tiri si scala sempre su roccia sana e pulita dove quella poca vegetazione non da fastidio. Il percorso che ne risulta è una via tecnicamente non difficile ma un bel viaggio nella natura selvaggia dei pilastri occidentale del mottarone. Chi non è mai stato da queste parti è probabile che si perderà, non vi preoccupate qui è normale.

descrizione itinerario:
1 tiro 4
2 tiro 4+
3 tiro 4 (corto)
Dalla cima del terzo tiro disarrampicare per qualche metro e risalire per salti erbosi e un canale, sempre su erba, che finisce sul prato dove partono la maggior parte delle vie per la cima cusio e la cima delle guide (don't cry prosegue sulla destra scritta alla base).Per proseguire in questo concatenamento puntare un grosso castagno alla base della parete nei pressi dell'attacco della via Incredibile. Qualche metro prima dell'attacco di Incredibile individuare un ripido canalino sulla sinistra (bolli blu) scenderlo per qualche metro e proseguire a destra per cengia erbosa, proseguire il traverso in leggera salita seguendo corde fisse e qualche spit fino all'attacco della via Carina.
4 tiro 4
5 tiro 3+
6 tiro 3 (tiro strano, dalla sosta salire verso sinistra fino allo spit poi tutto a destra fino alla sosta)
7 tiro 4+ (esposto, bello)
8 tiro 3 (Tiro facile in un canale roccioso in mezzo al prato, alla fine del canale sosta a sinistra su uno spit)
9 tiro 4+ (da dentro il canale salire una placchetta fino a una betulla, risalire a sinistra il prato per sostare su uno spit su un sasso)
10 tiro 5 (tiro facile, quinto se si vince la fessura boulder strapiombante,salire sempre verso sinistra fino a una corda fissa dove si sosta)

Per raccordarsi alla via delle capre seguire la corda fissa oppure.....

11 tiro 5 (risalire il diedro a destra della corda fissa strapiombante ma appigliato, sostare alla base di una placca)
12 tiro 5+ (placca, poi a sinistra, fessura, ancora placca, sosta nascosta a destra sul sasso appoggiato sopra la placca)
13 – 14 tiro 4 (collegabili, 70m circa la sosta in mezzo non c'è, quella in cima nemmeno sostare su uno spit)
Ritorno:
scendere dalla cima delle guide, andare a destra e seguire a ritroso il sentiero dell'andata.