Monega (Monte) da Cenova per la dorsale Est e il Monte Prearba

sentiero tipo,n°,segnavia: sentiero non segnato
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 544
quota vetta/quota massima (m): 1868
dislivello salita totale (m): 1500

copertura rete mobile
tim : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: roberto vallarino
ultima revisione: 29/04/16

località partenza: Cenova (Pieve di Teco , IM )

cartografia: Fraternali editore- Alta Val Tanaro, Alta Valle Arroscia e Alta Valle Argentina 1:25000

accesso:
Si risale la Valle Arroscia fino a prima di entrare in Pieve di Teco, per andare a sx verso Rezzo e poco prima si va a dx per raggiungere Cenova con parcheggio prima di entrare in paese.

note tecniche:
Lungo itinerario che si svolge in ambiente selvaggio su mulattiere quasi abbandonate ma evidenti e percorribili fino alla dorsale, poi per questa alla vetta. NB: se si ha la possibilita' di lasciare un'altra auto al Passo Teglia o San Bernardo di Conio, si riesce a fare una bella traversata.

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto nel parcheggio all'inizio del paese, si arriva nella piazza della chiesa dove a sx si sale la scalinata per andare di nuovo a sx e a raggiungere Piazza della Canonica e la stradina dove di fronte parte la mulattiera con uno degli unici segnavia (S1).
Lo si segue per arrivare dalla chiesetta di San Bernardo (m.752) e li a incrociare la sterrata che poco dopo termina, per riprendere la mulattiera sempre evidente passando da Casa Rolle (m.797) con un vecchio segnavia e a seguirla con graduale e lenta salita tralasciando le deviazioni a dx, arrivando alle Case Casarin e sempre per mulattiera a tratti malconcia ma ben percorribile, a raggiungere la dorsale est presso una selletta (m.1275).
Da qui a sx parte un sentierino con segnavia vecchi che poco avanti termina, quindi consiglio di lasciarlo per seguire la dorsale tra un po' di boschina e ora da un lato e dall'altro, si esce dal bosco e erboso su traccia si arriva al Monte Prearba (m.1444).
Sempre per l'evidente dorsale, si prosegue a sali e scendi per arrivare a superare il Monte Bisciaire (m.1518) e scesi all'omonimo passo, a impennarsi per raggiungere il Poggio Pian del Latte (m.1778) e dopo la discesa all'omonimo passo, a salire sempre per dorsale fino alla vetta del Monte Monega.