Antimedale Via Chiappa

difficoltà: 5b
esposizione arrampicata: Sud
sviluppo arrampicata (m): 250

copertura rete mobile
wind : 100% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 80% di copertura

contributors: predozzi
ultima revisione: 14/05/09

località partenza: Laorca (Lecco , LC )

note tecniche:
Soste attrezzate con fittoni resinati e catene. Qualche fittone e qualche chiodo normale: Utili ma non indispensabili dadi e friend.

Discesa: dall'uscita si scende a sinistra: segni rossi, cavi metallici e catene recentemente rinnovati conducono al canale visibile a sinistra faccia alla parete dall'attacco. Fate attenzione a non smuovere sassi! (0h20).

descrizione itinerario:
Da Lecco prendere la strada che sale in Valsassina, raggiungendo la frazione di Laorca. Al secondo marcato tornante (ampio slargo) svoltare a sinistra e seguire la strada per 200/300 metri, fino ad un parcheggio. Dal fondo del parcheggio seguire una stradina (quella di destra) che costeggia un cimitero e diviene poi un sentiero, raggiungendo e superando l'ex rifugio Medale. Proseguendo si raggiunge la strada sotto le reti paramassi (indicazioni per il Medale) che si segue fino ad incrociare il sentiero che scende dal retro del Medale (a destra) e quello che porta all'attacco della ferrata del Medale (cartello). Seguire questo secondo sentiero, passando alla base del Medale (il sentiero rimane scostato dalla parete) superando l'attacco della ferrata, e risalendo poi verso destra (secondo il senso di marcia) il canale dell'Antimedale.
L'attacco è posto oltre uno speroncino, in corrispondenza di uno slargo e di alcuni alberi.Nome della via scritto sulla roccia appena sopra la via degli istruttori. (0h20/0h30)

L1, IV, 45 metri: salire con percorso relativamente libero, superando una placchetta e delle rampette erbose fino ad un alberello: passare alla sua destra e salire in un canale poco marcato fino a raggiungere la sosta. Lunghezza discontinua.

Lunghezza 2, V-, 20 metri: breve lunghezza: dalla sosta salire obliquando a sinistra per fessure e poi in verticale fino alla sosta. Delicato.

Lunghezza 3, IV, V-: dalla sosta alzarsi verticalmente seguendo alcune fessure (e non il diedrino più a sinistra) aggirando a destra uno strapiombino sporgenteSi può poi sfruttare, per la protezione, una pianta a sinistra. Dalla pianta a destra ad un terrazzino: non salire il primo diedro ma spostarsi ancora orizzontalmente a destra, oltre un pilastrino, fino ad un secondo diedro che si percorre integralmente ritornando infine a sinistra per raggiungere la sosta. Tiro molto lungo.

Lunghezza 4, V: lunghezza breve: dalla sosta salire nell'evidente diedro canale. Deviando leggermente a destra si esce alla sosta in comune con la via degli Istruttori, sosta posta sotto un caratteristico tetto sporgente di alcuni metri, ben visibile anche dalla partenza.

Lunghezza 5, IV, V+/VI-: dalla sosta attraversare orizzontalmente a sinistra fino ad un evidente chiodo. Non salire ma superare lo spigolo continuando a traversare a sinistra fino ad arrivare ad una cengetta con lame. E' meglio fare sosta quì,(in comune con la via L'altra Chiappa) in quanto le corde potrebbero fare attrito. Dopo alcuni metri si sale obliquando a sinistra lungo una fessura, da lì si vede il diedrino chiave (VI-, secondo altre relazioni V+). Innalzarsi nel diedro (un pochino lucido), verticale ma ben ammanigliato. Da lì si traversa delicatamente a destra verso un ceppo, e si prosegue poi obliquando sempre a destra fino alla sosta.

Lunghezza 6, V-: l'uscita è posta a sinistra e un po' più in alto rispetto alla sosta. Dalla sosta traversare orizzontalmente a sinistra abbassandosi ad una cengetta (delicato) e alzandosi poi su una bella placca con fessure, passando a sinistra di un alberello. Continuare a salire obliquando verso sinistra. Traversare più o meno orizzontalmente, sempre verso sinistra, evitando di alzarsi troppo subito. Uscire poi verticalmente per facili rocce.