Aghio Pnevma (Monte) da Gournes per la cresta NE

sentiero tipo,n°,segnavia: sterrato, tracce, ometti
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Est
quota partenza (m): 1080
quota vetta/quota massima (m): 2262
dislivello salita totale (m): 1250

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: erba olina
ultima revisione: 27/02/16

località partenza: Gournes (Kares , Creta )

punti appoggio: Rifugio Volikas; ricovero a cielo aperto in vetta

cartografia: Crete 11.11/11.12 Lefka Ori - Topo 25 Anavasi - 1:25000

accesso:
Gournes si raggiunge da Karés percorrendo una strada sterrata, meglio con un’auto 4x4 (calcolare almeno h 1,00).
Da Chanià, o comunque dalla costa nord, ci si dirige verso Rethimnon, fino a trovare sulla dx la strada per Stilos dove si svolta. Superato questo villaggio, si gira ancora a dx per Samonas e da qui si prosegue a sx per Ramnì. Quando la strada nei pressi dell’abitato di Ramnì compie un tornante a sx, si svolta a dx all’apice del tornante continuando fino a Karés. Si imbocca la tortuosa sterrata per Gournes all’ingresso del paese sulla dx e la si percorre fino alla quota di partenza, poco oltre la chiesa di Aghios Pavlos.

note tecniche:
Data l’assenza di un vero e proprio sentiero con indicazioni, l’itinerario non è consigliabile in caso di nebbia. La prima parte risale un vallone in cui la frygana (cespugli spinosi) abbonda rendendo la progressione difficoltosa. Parecchi i saliscendi in cresta sulle tipiche rocce abrasive.

descrizione itinerario:
Lasciata l’auto a. q.1080 circa, poco oltre la chiesetta di Aghios Pavlos, si prosegue sulla sterrata e la si abbandona in corrispondenza di un ometto sulla dx (q.1140), che indica l’inizio della traccia di sentiero. Questa si snoda fra cespugli spinosi piuttosto rigogliosi e si confonde sovente con molteplici tracce di bestiame. Seguendo all’incirca la direzione SE e cercando il percorso migliore fra i cespugli, si sale per un valloncello spostandosi progressivamente da dx a sx sino al colle q. 1500 circa, a cui si perviene risalendo un ultimo breve tratto di roccette a gradoni. Si raggiunge così la cresta NE dell’Aghio Pnevma, a SO del Varsami (1559). Il terreno si fa più pietroso e la visuale si apre sulla costa Nord di Creta.
Si volge a dx e si continua sulla cresta – dorsale, inizialmente piuttosto ampia, oltrepassando piccole elevazioni e successivi avvallamenti. Si incontrano i ruderi di un mitato (piccolo ricovero). Si mantiene più o meno il filo di cresta, superando alcuni tratti più articolati caratterizzati da rocce affioranti sino a raggiungere l’ampia depressione sotto il versante N dell’Aghio Pnevma. Qui si abbandona la cresta e si risale il ripido pendio in direzione SO, puntando ad un ampio colle a Ovest della vetta, dove ci si ricongiunge all’itinerario di salita dal rifugio Volikas. Raggiunto il colle con un ultimo strappo più ripido, si volge a sx e per larga dorsale si tocca la vetta, dove è costruito un piccolo ricovero/cappellina dedicato al Santo Spirito (Aghio Pnevma). Panorama eccellente sui vicinissimi Grias Soros, Mesa Soros e Svourichtì.
Ritorno per la via di salita.