Rotondo (Monte) da Premana

L'itinerario

sentiero tipo,n°,segnavia: segnavia e bolli bianco-rossi
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 976
quota vetta/quota massima (m): 2496
dislivello salita totale (m): 1640

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: emanuele_80
ultima revisione: 26/01/16

località partenza: Premana (Premana , LC )

punti appoggio: Alpe Fraina (1397 m)

cartografia: Kompass n.105 Lecco-Valle Brembana

bibliografia: Alpi Orobie Over 2000 Vol.1 (Itinerario n°33)

accesso:
S.S.36 direzione Lecco, seguire le indicazioni per la Valsassina. Percorrere tutta la strada del fondovalle, passando da Ballabio, Introbio, Primaluna, Taceno, Margno e Casarco. Una volta giunti a Piazzo, scendere verso Premana e raggiungere il parcheggio di via Prealpi posto al termine del paese. La sosta è regolata da disco orario ma ci sono aree alternative di posteggio su strisce bianche.

note tecniche:
Il Monte Rotondo è una cima affacciata sulla Valvarrone posta sulla dorsale che parte dal Monte Legnone ed arriva al Pizzo dei Tre Signori. E' di fatto una montagna di notevoli dimensioni e la sua vetta si raggiunge percorrendo un tratto del Sentiero Cadorna ricco ancora di manufatti, postazioni, trincee e galleria di osservazione. La salita è arricchita quindi da una connotazione storico-culturale oltre che dallo splendido panorama a 360° che si gode dalla cima.
Il dislivello indicato tiene conto delle risalite a/r lungo la strada sterrata iniziale della Val Fraina.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio si individuano facilmente le indicazioni per la nostra meta e che riportano un tempo di 5,30 h. Si prende la bella sterrata che inizialmente perde quota, ma poi riprende a salire in modo costante fino alla suggestiva Alpe Fraina (1397 m), dopo quasi 6 km da Premana. Appena oltre l'alpe, in direzione ENE, si trovano le segnalazioni per il Sentiero Cadorna, la Bocchetta di Stavello ed il Monte Rotondo. Qui si piega in direzione N, si seguono le labili tracce su un prato, si individuano un paio di ometti e si comincia a percorrere il Sentiero Cadorna. Esso è ben evidente, anche se la vegetazione, nel centinaio d'anni da quanto è stato tracciato, ha cominciato ad occultarne una parte; segni bianchi e rossi aiutano comunque a non perdere il percorso. Si sale con pendenza costante e con numerosi tornanti fino alla Bocchetta di Stavello (2201 m), dove il panorama si apre sulla valle di Pai ed arriva fino alla Valtellina. Si osservano varie opere militari e, abbandonata la strada che termina poco dopo, si segue il sentiero di destra, lungo i camminamenti, pervenendo ad una postazione per fucilieri. Si continua in cresta, o poco sotto, toccando l'imbocco della galleria di accesso ad una postazione di batteria in caverna e le mura perimetrali di un fortino, poi con una lunga serie di tornantini si guadagna la vetta del Monte Rotondo nei pressi di diroccati appostamenti di vedetta e della statua della Madonna, da cui si gode un eccezionale panorama: davanti il Pizzo Alto ed il Legnone, a destra la Valtellina con Morbegno e le cime del Bernina e del Disgrazia; a sinistra il laghetto di Mezzola, l'ultimo tratto dell'Adda che serpeggia verso il Lario, il Lago di Lugano e le Prealpi comasche; alle spalle le Grigne, il Resegone, le Prealpi bergamasche e più a est le Orobie con il Pizzo dei Tre Signori.