Friera (Piano) da Ruata, anello

sentiero tipo,n°,segnavia: 305, 306
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1405
quota vetta/quota massima (m): 1912
dislivello salita totale (m): 547

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Giagi
ultima revisione: 26/12/15

località partenza: Ruata (Pramollo , TO )

cartografia: 1:25.000 Fraternali Editori n. 5 Val Chisone e Germanasca

accesso:
Arrivati a Ruata di Pramollo, da San Germano Chisone dopo Pinerolo, continuare con l’auto in direzione del Colle Laz Arà, come indicato dalla cartellonistica stradale. Si sale percorrendo alcuni tornanti, si oltrepassa l’area attrezzata con il parcheggio adiacente e si continua fino a quando il fondo stradale diventa sterrato. Dopo circa 150 m, oltre un punto acqua antincendio e una seconda area attrezzata con laghetto, si giunge ad un bivio con un pilone decorato e qui è possibile lasciare l’auto su un spiazzo a sinistra.

note tecniche:
Itinerario panoramico e ben esposto, facile per gran parte del percorso con un unico tratto di discesa ripida passando dalla Pilone Bianco della Gardetta al Piazzale Belvedere delle Miande Eiretta.

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto dal pilone ci si incammina per la pista che sale a destra del pilone in direzione delle bergerie del Col Laz Arà. Dal colle si prende il sentiero a sinistra in direzione del Gran Truc, percorrendo di fatto la cresta sommitale che conduce al Clot Bousiou. Salendo dolcemente per il sentiero 305 si arriva dapprima al bivio per la fontana Freira e poi alla rotonda sommità di Piano Freira, caratterizzata da un cumulo di massi. Ritorno per il sentiero 305 percorso all’andata fino al bivio con il sentiero 306 che conduce a destra al Monte Gardetta mentre a sinistra scende verso il Pilone bianco della Gardetta e prosegue ripido fino a collegarsi con il piazzale Belvedere a quota 1460 m.
Da qui percorrendo la pista che collega le Miande Eiretta alla baite Abeouroou si ritorna la piazzale di partenza