Rostagno (Becchi di) Traversata creste SO e NE

difficoltà: AD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 1600
quota vetta (m): 2836
dislivello complessivo (m): 1350

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Enzo51
ultima revisione: 05/11/15

località partenza: Besmorello (Vinadio , CN )

punti appoggio: Rif. Migliorero

cartografia: IGC 1:25:000 Valle Stura Vinadio Argentera n.112

bibliografia: Guida dei Monti d'Italia Alpi Marittime vol.II

accesso:
Da Cuneo seguire segnalatica stradale per Valle Stura. Risalire la valle fino a Pianche al bivio a sx prendere per Bagni di Vinadio. A dx per Besmorello dove a monte del paese per carrareccia fin o alla sbarra in localita' Pisciai, q.1600ca dove si parcheggia.

note tecniche:
Due modeste elevazioni situe tra il passo di Laris a sud.ovest e il passo di Rostagno a nord.est, all'ombra del becco Alto d'Ischiator. Di un certo interesse alpinistico in un ottica di traversata di cresta che culmina con il raggiungimento delle due cime con partenza dal Passo Laris o dal passo di Rostagno indifferentemente.

descrizione itinerario:
Da dove si lascia l'auto risalire la carrareccia tagliando i tornanti ove possibile fino ad accedere all'ampio e lungo falso piano del Migliorero, che si raggiunge e oltrepassa. Continurare in direzione sud.ovest, risalendo su ottimo sentiero la ripida china che si para di fronte. Entrare nella conca del lago di mezzo d'Ischiator che si lascia sulla sx. Il sentiero prende ora a salire verso nord.ovest in direzione del Passo Laris. Netto intaglio tra il Becco alto d'Ischiator a sx e il Becco ovest di Rostagno a dx.
Raggiungerlo per sentiero con numerosi tornanti sul finale. Salire il muro che si erge alla dx del passo . Una fessura incide verticalmente il muro iniziale (III+) di una 15na di mt., la pendenza poi diminuisce e diventa erto pendio che si trasforma poi in cresta aerea sul finale (II+) negli ultimi 25-30 mt prima del punto culminante (2836m).
Scendere facilmente ad un intaglio per cresta all'inizio piatta in direzione nord-est. Intaglio poco profondo, raggiungibile per un breve canalino obliquo da sx a dx (guardando dall'alto), all'opposto una rampa rocciosa ascendente da sx a dx porta, con un ultimo breve tratto in piano sulla cima est (2750m). Sempre in direzione nord est scendere prima facilmente, poi sul filo, con rocce affioranti, seguire la cresta che con una serie di saliscendi (alcuni tratti molto esposti seppur facili), porta in vista dell'ultimo facile erto pendio, che si scende fino al passo di Rostagno.
Si scende quindi per comodo sentiero si torna al Migliorero a chiudere l'anello in quota, con bella scalata al seguito. (calcolare dalle 7 alle 8 ore per il giro completo cosi' come descritto, che diventerebbero 8-9 se con la montagna non in condizioni).