Berrio (Monte) Cresta N/NE

difficoltà: PD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1457
quota vetta (m): 3077
dislivello complessivo (m): 1700

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Enzo51
ultima revisione: 22/10/15

località partenza: Closè (Bionaz , AO )

punti appoggio: Nessuno

cartografia: IGC 1:30:000 La Valpelline

bibliografia: Guida Monti d'Italia Alpi Pennine vol.I

accesso:
Dall'uscita del casello autostradale di Aosta, proseguire sulla statale n.27 in direzione del tunnel del Gran San Bernardo. Dopo ca una decina di km, svoltare sulla dx verso il paese di Valpelline. Proseguire per la valle fino a Close', frazione di Oyace dove vi e' poco spazio per parcheggiare. Si trovano però ampi spazi di parcheggio poco più a monte dove la strada spiana.

note tecniche:
Ultima propaggine di un certo interesse alpinistico a sud-ovest della lunga catena del Morion. Anche un ottimo belvedere specialmente verso la conca di By e i suoi innumerevoli laghetti. La cresta che si percorre in ultimo, una qualvolta raggiunto il colle omonimo, presenta solo alcuni tratti specie nella parte iniziale dove è necessario ricorrere all'uso delle mani. Lungo e faticoso rimane l'approccio al colle, dal momento che si lascia il sentiero e si comincia a risalire gli erti e sassosi pendii che si trasformano in pietraia non appena si e' in vista del colle.

descrizione itinerario:
Da Closè con segnavia n.1 percorrere a mezza costa con frequenti puntate verso l'alto del sentiero, tutto il fianco meridionale del Morion, fino ad entrare (dopo aver superato l'alpe di Sucheaz 1994m) nella conca del rio Breuson, dove al centro di essa si tocca l'alpe omonima. Superata quest'ultima si prende a salire gli erti pendii misti erba e pietre in direzione nord, passando alla base della p.Gorret e successivamente (quando il terreno ora pianeggiante si trasforma in immensa pietraia), piegare verso sx in direzione del colle, che si raggiunge in ultimo per una ripida scarpata detritica alta un duecento metri dal fondo della conca. Una volta guadagnato il colle, la cresta si delinea sulla sx (di chi guarda), ardita nella prima parte larga e nevosa nella seconda parte che precede la vetta.