Montallegro e Caravaggio (Santuari) da Rapallo, giro

L'itinerario

difficoltà: OC / OC+ / S2   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 600
quota vetta/quota massima (m): 800
dislivello salita totale (m): 700
lunghezza (km): 28

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: baloo
ultima revisione: 30/09/15

località partenza: Rapallo (Rapallo , GE )

punti appoggio: Rapallo, ruta

note tecniche:
Traversata spettacolare più adatta agli scarponi che alle due ruote . Divertenti spostamenti su sentieri lisci tipo da Montallegro nel primo tratto e poi bella discesa dal Caravaggio verso Ruta nel bosco ... ed in diversi tratti intermedi , ma per lo più la bici viaggia su di noi e non noi su di lei .
Difficili davvero salire e calarsi dal Manico del Lume ed è necessario farlo perchè non lo si può aggirare .

descrizione itinerario:
Partenza da Rapallo, si può salire al Santuario di Montallegro sulla bella lastricata oppure salire in funivia ( per i clienti della funivia il parcheggio auto è gratuito ed illimitato proprio davanti alla funivia)
Giunti al Santuario lo si aggira sulla sinistra e si trascura l’indicazione per il Monte Rosa proseguendo su bel sentiero ciclabile nel bosco . Con buon sentiero nel bosco e qualche sali scendi, si arriva al P.so della Crocetta, si attraversa la strada e si risale ripidi fino al Monte delle Pegge dove si trova il bivacco Margherita degli alpini. Il panorama da quassù è super .
Si continua prendendo la traccia di sentiero proprio dietro il bivacco. Il sentiero diventa più stretto ed assolutamente non ciclabile , qui inizia l’avventura per chi ha a seguito la bici , non è certo un posto per la mtb , e la gita assume le caratteristiche del vero e proprio pellegrinaggio . Da non fare assolutamente con pioggia o rocce bagnate e da percorrere solo se si ha fortissime motivazioni … siamo nettamente nel campo del cicloalpinismo e del portage anche difficoltoso. Con bici in spalla si raggiunge a fatica il torrione del Manico del Lume con la sua croce . La discesa non va assolutamente sottovalutata , il primo tratto con bici a seguito è davvero difficoltoso , utile anche avere un pezzo di corda per calare la bici mentre si scende aiutati dalle catene fisse . Le catene sono fondamentali per scendere prima e risalire subito dopo . Poi il Manico molla un po’ e si passa su placche e facili roccette, Giunti al P.so della Serra, non indicato, bisogna prestare attenzione e continuare sul sentiero lato mare, il segnavia è ora un triangolo vuoto. Con percorso sempre molto panoramico e con un po’ più di respiro si raggiunge il Passoso del Gallo. Il sentiero si sdoppia e bisogna salire a sinistra per raggiungere il santuario Madonna del Caravaggio meta del pellegrinaggio che collega i due Santuari con questo spettacolare anche se faticoso ferro di cavallo in cresta .
Dal Santuario si scende la scala sacra ovviamente bici a fianco e poi ci si distende veloci pedalando sulla cementata stretta che ha alcuni gradini ma agevole.Di qui seguiamo sempre il bellissimo e ciclabile sentiero nel bosco che ci porta a Ruta di Camogli e poi a Rapallo veloci su asfalto in discesa .