Uomo di Cagna da Gianuccio

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 500
quota vetta/quota massima (m): 1210
dislivello salita totale (m): 730

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: ulello
ultima revisione: 14/09/15

località partenza: Gianuccio (Monacia-d'Aullène , 2A )

cartografia: IGN 4254 OT Sartene, Montagne de Cagna, PNR de Corse (Corsica, Francia) 1:25.000

accesso:
Il sentiero comincia, a circa 500mt di quota, dal piccolo borgo di Gianuccio, che si raggiunge con una deviazione in direzione nord di circa 12km dalla statale N196, bivio per Monacia, zona Pianottoli Caldarello.

note tecniche:
Montagna suggestiva composta da blocchi granitici sovrapposti, essa domina la Corsica del Sud ed è caratterizzata dalla presenza, sulla sua vetta meridionale - l'Uomo di Cagna appunto - di un curioso grosso masso appoggiato sulla cima di un piedistallo roccioso (roba da Disney Pictures!).
È visibile da tutta la costa meridionale, ma anche già dalla strada che da Sartene si dirige a Bonifacio, nonché da quella che da Figari va verso PortoVecchio.
Ben segnalato!

descrizione itinerario:
Parcheggiando nei pressi della chiesa (c'è anche un bel bar ristoro) si seguono le grosse frecce "L'Omu de Cagna", prima in salita e poi sulla destra, in piano, fra abitazioni, poderi e rustici. Poi in corrispondenza di un grande cancello con divieto di sosta, si stacca sulla sinistra il sentiero vero e proprio che, con segnavia giallo frequente e ben visibile, conduce in cima.
Inizialmente si sale fra muretti, tubi e prese d'acqua; poi, in orizzontale, si traversa verso sud e quindi si risale il pendio, ora più ripido, in boscaglia e macchia, avvolti nei suoi profumi di mirto e rosmarino selvatico.
Verso i 900mt di quota si gira verso nord - ora in vista della cima - e si perviene, su larga e dolce traccia in bosco di pini bello ombreggiato, a una sella pietrosa.
Da qui, per raggiungere la vetta che si vede in direzione SE, il sentiero si dirige ancora verso nord e con un ampio semicerchio, con alcuni saliscendi fra massi e arbusti, giunge a un pietrone con segnavia a X (bel panorama sul settentrione dell'isola e sulle cime più alte della Montagna di Cagna).
Ora scendere leggermente alla propria sx seguendo gli ometti frequenti e trascurare possibili tracce verso l'alto che, a buon senso, condurrebbero più brevemente al pianoro posto sotto le cime, il quale invece si raggiunge più agevolmente con il sentiero segnalato.
Giunti al pianoro ci si può arrampicare su vari massi, tenendo presente che quello principale non è sostanzialmente scalabile (se non con mezzi artificiali) ma è raggiungibile alla sua base.
Invece si può accedere, senza grosse difficoltà, a quello forse più panoramico - e ben adatto agli scatti!! - posto a nord dell'uomo di Cagna propriamente detto, e scalabile seguendo prima gli ometti a ovest e poi la breve cresta di massi sovrapposti verso nord (passo di I+ un po' esposto).
Ambiente straordinario e vista incommensurabile, Sardegna inclusa.
Il tutto in circa 2h.