Reixa (Monte), Passi Veleno, Turchino, Faiallo da Masone, giro da Praglia al Pian del Bric Damé,

difficoltà: BC / BC+ / S1   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 400
quota vetta/quota massima (m): 1183
dislivello salita totale (m): 2500
lunghezza (km): 75

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: kobayashi
ultima revisione: 13/09/15

località partenza: Masone (Masone , GE )

accesso:
A26, casello Masone

note tecniche:
L'itinerario percorre integralmente l'Alta Via (AV) dei Monti Liguri (salvo qualche breve tratto poco significativo), dai Piani di Praglia al Piano del Bric Damé (3km da Prato Rotondo), con percorso ad anello da Masone. L'itinerario alterna sterrate, sentieri e circa 17km di asfalto su belle stradine secondarie.
Ciclabilità complessiva elevata.
Questo tratto di AV è al momento (2015) molto ben segnalato e pulito.
Le difficoltà tecniche sono concentrate fuori dall'AV nella tratta di rientro a Masone per Vara.
Itinerario lungo, faticoso. Possibile spezzarlo in due al Turchino, oppure evitare la parte lunga e faticosa di rientro su Masone salendo direttamente su asfalto da Vara Superiore al Faiallo e Turchino (o Cappelletta).

descrizione itinerario:
Masone - Piani di Praglia - Colle Gandolfi - Passo del Veleno - Turchino - Faiallo - Passo Vaccheria - M.Reixa - Pian di Lerca - Piano del Bric Damé - Vara Inf. e Sup. - Acquabianca - Passo Fruia - Bric la Masca - Case del Ronchetto - Masone

Per il percorso dettagliato si veda la traccia allegata, fortemente consigliabile il supporto strumentale.

L'AV si raggiunge ai Piani di Praglia a cui si accede con 5km di asfalto, poi sterrato che alterna tratti con buon fondo ciclabile a tratti molto sconnessi/scavati/ciottolosi non ciclabili.
Si prosegue su facile sterrato fino al Colle Gandolfi. Qui è possibile una divagazione al Monte Pennello (consigliata) e Punta Martin (non consigliata).
Tratti tecnici per scendere al Passo del Veleno, poi di nuovo tranquillo e sempre ciclabile fino al Turchino. Qui, appena toccato l'asfalto, seguirlo a dx per poche centinaia di metri fino ad un tornante dove ci si immette su evidente sterrato a sx. Quando si incrocia nuovamente l'asfalto, seguirlo per 300m in direzione La Cappelletta, abbandonarlo a sx per sentiero con chiare indicazioni AV. Il sentiero diventa sterrato che supera sul lato N il Forte Geremia (possibile breve divagazione per raggiungerlo - è presente un BAR teoricamente aperto nei we ma non fateci troppo affidamento).
Oltre il forte si raggiunge la provinciale per il Faiallo e dopo 100m l'AV si immette a dx su sentiero (occhio a non confondersi con sterratino che inizia pochi metri prima e che dovrebbe scendere su Masone, non lo conosco) e raggiunge il Passo del Faiallo transitando per il M.Giallo e le pendici S del Bric del Dente. Questo tratto, poco significativo, è possibile evitarlo raggiungendo il Faiallo su asfalto.
Dal Faiallo si raggiunge lo spartiacque con splendida vista su Genova, breve salita per raggiungere il M.Reixa (anche se l'AV in realtà passerebbe sul versante N), e poi bella pedalata panoramica fino al Pian di Lerca.
Con ultima breve salita non ciclabile si raggiunge il Piano del Bric Damé.
Qui l'AV prosegue a sx, ma per chiudere l'anello e raggiungere Masone, prendere il sentiero a dx, subito pianeggiante e poco ciclabile, poi si fa ripido con tratti tecnici (ciottoloni, alti gradoni rocciosi) ma molto divertente fino ad immettersi su stradina asfaltata che scende su Vara Inferiore (BAR/Ristorante a Vara Superiore).
Raggiungere su asfalto Acquabianca, tenersi a dx e prendere una ripida rampa asfaltata che porta nei pressi di una casa isolata dove l'asfalto lascia spazio ad una sterrata.
Si segue a dx lo sterrato che scende ripido e sconnesso su un torrente con ponte crollato. Si guada poco più a nord e si segue l'ampia traccia in fitto bosco con tratti ciclabili, ignorando alcune deviazioni laterali, fino a raggiungere un altro torrente che scende dal Faiallo. Attraversarlo, ignorare la traccia che scende in dx orografica lungo il corso del torrente per prendere la traccia parallela soprastante che si raggiunge percorrendo un breve tratto verso S.

Seguire l'ampia traccia ciclabile (qualche tratto dissestato) che in direzione N porta al Passo Fruia nel quale convergono diversi sentieri/tracce. Uno di questi, in direzione NE scende su Masone. L'erba alta (e dubbi su quale fosse quello realmente corretto e forse nemmeno l'ho visto quello corretto) mi fanno optare per prendere in alternativa il sentiero per il Bric La Masca anche se più lungo e 100m di risalita. Dalla cima un ripido single track tecnico ma ciclabile (qualche tratto molto ciottoloso) e che sul finale si allarga (oltre il Monte Basé, attenzione a prendere la traccia a dx. Presente un sentiero che scende a sx ma non so dove porti), conduce a Case del Ronchetto e quindi con 3km di asfalto a Masone.