Daviso (Rifugio) da Forno Alpi Graie, anello per il Bivacco Ferreri - Rivero

sentiero tipo,n°,segnavia: Sentieri n° 315 e 316 - segnavia bianco/rossi
difficoltà: EE :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1219
quota vetta/quota massima (m): 2280
dislivello salita totale (m): 1061

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: mario-mont
ultima revisione: 06/09/15

località partenza: Forno Alpi Graie (Groscavallo , TO )

punti appoggio: Bivacco Ferreri e Rifugio Daviso

cartografia: Fraternali n° 8

accesso:
Da lanzo percorrerre tutta la val Grande fino al suo termine

note tecniche:
Itinerario che permette di visitare i due rifugi sulla testata della valle.
Il bivacco Rivero fu costruito nel 1887 per volontà dell'avvocato - alpinista Giuseppe Corrà ed era noto come Rifugio della Gura; fu poi intitolato nel 1950 alla memoria di Eugenio Ferreri. Dopo anni di abbandono, è stato ristrutturato in occasione dei 150 anni del CAI per merito di CAAI, GISM e CAI Torino.
Il rifugio Paolo Daviso è gestito fin dal 1962 dal CAI di Venaria.
È dedicato alla memoria del barone valdostano Paolo Daviso di Charvensod, morto in un incidente sull'Uia di Bessanese il 27 agosto del 1921.
La zona è selvaggia, dominata da cime accessibili solo alpinisticamente.
Il sentiero di accesso al Bivacco Ferreri è da percorrere con molta cautela, date le pendenze e l'esposizione. Per questo stesso motivo si sconsiglia di percorrerlo in discesa.

descrizione itinerario:
Dalla piazza di Forno si segue la strada che diviene sterrata ed attraversa su di un ponte il torrente Gura. Dopo l'attraversamento si va a destra imboccando una strada sterrata che segue la destra orografica del fiume. Il percorso inizialmente è quasi pianeggiante ma, in breve la setrrata termina e inizia un sentiero che incomincia a salire zigzagando il pendio ricoperto di bassa vegetazione; dopo aver preso quota si affronta un breve tratto pianeggiante a mezzacosta fino ad un masso di notevoli proporzioni sul quale è posta un'indicazione in legno per il Daviso . Da qui si giunge in breve ad un gruppo di vecchi alpeggi posti a quota 1670; il sentiero prosegue a sinistra per arrivare ad una costruzione isolata. Ancora poche centinaia di metri in salita consentono di raggiungere il pianoro della Gura in cui confluiscono diversi rii e torrentelli.
Superato un primo corso d'acqua si prosegue verso il fondo del piano, da dove sulla sinistra si stacca un'esile traccia che in circa dieci minuti volendo conduce al Gias di Lei e al minuscolo lago della Gura (1827 m). Superare un primo torrente su un ponticello metallico artigianale ,e in prossimità del secondo piegare a sinistra (indicazioni sul masso).
L'esile traccia si porta alla base di una bassa scarpata rocciosa che si supera con l'ausilio di corde fisse e catene.. Al di sopra, la traccia si snoda molto ripida fra alte erbe e fitti cespugli; con marcia malagevole si esce a sinistra su pendii sempre molto inclinati ma dove il sentierino sale con più regolarità al Bivacco Ferreri (2207 m), individuabile da una certa distanza per un grosso ometto di pietre.
Il rifugio Daviso è ben visibile in alto verso nord-est.
Dal Ferreri il sentiero prosegue sulla destra con andamento pianeggiante fino a superare due torrenti alimentati dal ghiacciaio sovrastante. Attraversarli ponendo molta attenzione, specie dopo eventuali precipitazioni. Dopo il secondo il sentiero sale verso est con pendenza regolare fino a raggiungere sulla sinistra il rifugio Daviso (2280 m).
Il ritorno si effettua sul sentiero normale per il rifugio, raggiungendo il bel Gias Gran Pian, poi il Gias Milon e ricongiungendosi al sentiero percorso all'andata dopo aver attraversato su un ponticello metallico il torrente Gura.


Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Daviso (Rifugio) da Forno Alpi Graie, anello per il Bivacco Ferreri - Rivero - (0 km)
Piccola (Cima della) da Forno Alpi Graie - (0.2 km)
Calletta (Colle) Traversata da Forno Alpi Graie al Rifugio Carro - (0.2 km)
Gastaldi, Cibrario, Ca' d'Asti (Rifugi) traversata delle Valli di Lanzo e salita al Rocciamelone (4/5 gg) - (0.2 km)
Daviso Paolo (Rifugio) anello da Forno Alpi Graie per il Col di Fea e Gias Colombin - (0.2 km)
Gias Nuovo Fontane (Alpeggio) da Forno Alpi Graie - (0.2 km)
Soardi-Fassero (Bivacco) da Forno Alpi Graie - (0.3 km)
Daviso Paolo (Rifugio) da Forno Alpi Graie - (0.3 km)
Ferreri - Rivero CAAI (Bivacco) da Forno Alpi Graie per il Vallone di Gura - (0.3 km)
Rivero (ex Bivacco) da Forno Alpi Graie - (0.3 km)
Mombran (Uja di) da Forno Alpi Graie e il Passo delle Lose - (0.3 km)
Sea (Alpe di) da Forno Alpi Graie - (0.3 km)
Leitosa Primo (Gias) da Forno Alpi Graie - (0.3 km)
Tonini (Punta) da Forno Alpi Graie per il Vallone di Sea - (0.3 km)
Sagnasse (Laghi di) da Borgo - (2.4 km)
Alpetta, Vercellina (Valloni) da Rivotti, anello per la Via d'la Pala - (3.8 km)
Bianco (Corno) da Rivotti - (3.9 km)
Bellagarda (Monte) da Rivotti, anello per i Laghi Fertà e Unghiasse - (4.1 km)
Fontane Nuovo (Gias) da Rivotti - (4.1 km)
Crocetta (Colle della) da Rivotti a Vonzo per il Colle della Terra di Unghiasse e vallone Vassola - (4.1 km)
Barrouard (Monte) da Rivotti - (4.2 km)
Morion (Monte) da Rivotti - (4.4 km)
Sagnasse (Laghi di) da Rivotti - (4.4 km)
Crocetta (Cima della) da Rivotti - (4.4 km)
Morion Piccolo (Monte) o Morionet da Rivotti - (4.5 km)