Giulian (Monte) da Prali

L'itinerario

difficoltà: MC+ / OC+ / S4   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1455
quota vetta/quota massima (m): 2547
dislivello salita totale (m): 1100
lunghezza (km): 13

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Rocciaclimb
ultima revisione: 06/08/15

località partenza: Prali (Prali , TO )

note tecniche:
Itinerario interessante anche se molto impegnativo.In salita ciclabilità al 20% poi tutto portage duro e crudo.
Discesa tecnicamente molto impegnativa in stretti e profondi solchi con ciclabilità scarsa o nulla nei primi 150 m di dislivello dal Colle Giulian poi migliora decisamente.

descrizione itinerario:
Da Prali si raggiunge rapidamente Giordano (parcheggio appena oltre il ponte sulla dx.) si segue la strada sterrata ed al primo bivio (Indicazioni Colle Giulian) si risale la rampa sulla sinistra che si presenta subito molto impegnativa come pendenza.Si riesce a pedalare su sterrato e buon sentiero fino al ponte appena dopo l'A.Selle; qui si trovano le indicazioni per il Colle Giulian sulla sinistra che noi dobbiamo seguire.
Inizia qui la lunga e faticosa parte di portage, in alcuni punti anche molto difficoltoso, che conduce al Colle Giulian. Dal Colle si prosegue verso dx spingendo la bici su un tratto molto esposto e si riprende a pedalare in prossimità di un lungo traverso,raggiunto un colletto con dei ruderi prendere a dx per un sentiero poco marcato che conduce dapprima in cresta e poi in vetta.
Discesa lungo la cresta (attenzione i primi metri) e poi a ritroso fino al Colle Giulian.I primi 60-70 m si scendono senza grossi problemi anche se risulta difficile tenere la bici diritta.
Poco sotto comincia una lunga serie di tornanti stretti con forti scalini e pietre smosse in profondi solchi dove non vi è spazio di manovra (S4 continuo x 150 m di dsl); dopo le difficoltà calano ma restano comunque sempre alte (S3) e i solchi sono sempre molto profondi e si tocca parecchio sia di lato che sotto.
Da metà circa il percorso diviene più scorrevole ma si richiede sempre un perfetto spostamento del posteriore x correggere di continuo la traiettoria nei numerosi tratti stretti.
Tornati al ponte, fine delle difficoltà si possono riposare braccia,spalle e mani :)