Lausa (Guglia Grande della) Via Normale dal Ghiacciaio dell'Ubac

difficoltà: AD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1712
quota vetta (m): 2854
dislivello complessivo (m): 1142

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: m.gulliver
ultima revisione: 23/06/15

località partenza: Prati del Vallone (Pietraporzio , CN )

punti appoggio: Rif. Talarico, Biv. della Lausa

bibliografia: Parodi, Nelle Alpi del Sole; Bruno, In cima Alpi Marittime vol. 2

note tecniche:
La Guglia Grande della Lausa è il più alto e slanciato di una serie di torrioni rocciosi localizzati fra l'alto vallone di Pontebernardo e la conca che racchiudeva un tempo il ghiacciaio dell'Ubac, a nord dell'omonima Testa.
Consigliabile ad inizio stagione con l'accesso e la conca dell'ex ghiacciaio dell'Ubac ancora innevati (piccozza e ramponi utili). Corda minimo da 50 m per le doppie.

descrizione itinerario:
Dai Prati del Vallone si segue la mulattiera che sale al colle di Vens fino al cippo poco oltre il Bivacco della Lausa. Poco prima del cippo si lascia la mulattiera e si svolta a sinistra (Est) su un malandato sentiero che, dopo breve percorso quasi pianeggiante, si perde in una franosa fronte morenica. Con un traverso il leggera ascesa si raggiunge il franoso pendio/canale sottostante al Ghiacciaio dell'Ubac; lo si risale (ramponi con neve, 40°) fino alla conca contenenti i resti del ghiacciaio, lo si risale (poco ripido), quindi piegando verso destra si raggiunge la verticale dell'evidente canale che scende dalla marcata forcella tra la Guglia Grande e la Guglia Quadra, posta più a sx (evidente anello di corda e fettuccia per una calata poco a sx del canale una ventina di metri sopra il margine della neve). La base del canale è interrotta da una fascia di rocce lisciate dall'azione del ghiacciaio che rendono difficoltoso l'attacco diretto. A inizio stagione con abbondante innevamento si può attaccare qualche metro a sx della sosta per la calata superando la crepaccia laterale e scalando un dietro/camino con passi un po' atletici (IV). In alternativa si prosegue verso sx sul ghiacciaio per una cinquantina di metri, fino a un tratto roccioso più articolato che consente di raggiungere una fascia detritica inclinata sovrastante (10 m, III-, II). Con un traverso in piano verso dx su terreno instabile (chiodo in alto), si raggiunge così il canale sopra il liscio salto basale (30 m, II-). Superato, sulla sinistra, un blocco incastrato (II), si segue il fondo del canale (rocce rotte ed erba) fino a sbucare sulla stretta forcella tra la vetta e la Guglia Quadra. Scalando sulla dx un verticale muretto di buona roccia (7 m. III+) si raggiunge lo spigolo Sud, lo si risale per qualche metro e si sosta su uno spuntone (cordoni). Traversando sulla destra (2 m) si scende un gradino roccioso (3 m, II) e si raggiunge un'evidente cengia erbosa che sale verso destra lungo la parete Est della vetta. La si percorre fino al suo termine (20 m passi di II). Da questo punto si scala direttamente un muretto di roccia buona, ma lichenata (5 m, III+, 2 chiodi), che porta sui blocchi fessurati della aerea cresta Nord, dove si sosta su uno spuntone presso una lama verticale a vertice tronco. Superato un liscio saltino sulla dx della cresta (3 m III+) si guadagna infine le rocce rotte della vetta, segnata da un ometto di pietre.

Discesa: dalla vetta si scende lungo lo spigolo Sud (5 m) fino al lastrone inclinato che sovrasta la forcella al termine del canale di salita. A questo punto, con una corda doppia da 25 m (sosta con 2 chiodi e anelli di corda), si ritorna sulla cengia erbosa della parete Est. Risalito il gradino roccioso (3 m, II) che porta sullo spuntone della prima sosta, con una seconda corda doppia di 12 m con breve pendolo verso dx si supera il salto verticale e si scende sulla forcella.
Si ridiscende ora il canalino (delicato, possibilità di fare una doppia utilizzando un cordone a dx pochi metri sotto la forcella) e di traversa verso dx sulla fascia detritica inclinata fino a raggiungere la sosta di grandi anelli di corda visibile dal basso. Un'ultima doppia verticale di una ventina di metri abbondanti deposita sul bordo della crepaccia laterale. Da qui si ripercorre in senso inverso l'itinerario di salita.


Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Lausa (Guglia Grande della) Via Normale dal Ghiacciaio dell'Ubac - (0 km)
Rossa (Testa) Versante/Canale N - (0 km)
Peiron (Monte) per il Colle di Panieris e la cresta sud - (0 km)
Piz (Becco Alto del) da Prati del Vallone per il Passo del Vallone - (0.1 km)
Vallonetto (Monte, Cime Nord e Sud) da Prati del Vallone e il Monte Las Blancias - (0.1 km)
Piz (Becco Alto del) Canale N e canale NO del Becco delle Scolettas - (0.1 km)
Lausa (Guglie della) traversata integrale di cresta Nord-Sud - (0.1 km)
Scolettas (Becco Nord di) Cresta Sud - (0.7 km)
Clai Superieur dai Prati del Vallone - (0.9 km)
Rossa (Rocca) Canale Nord di SX dal vallone del Piz - (3.4 km)
Schiantalà (Punta di, Cima Nord) da Pian della Regina - (3.4 km)
Zanotti (Punta) Parete Nord-Est - Sogno d'Estate - (3.4 km)
Vallone (Testa del) da Pian della Regina per Vallone del Piz e Forcella Gallean Nord - (3.5 km)
Zanotti (Punta) cresta Nord-Ovest- via Giusy - (3.5 km)
Burnat (Cima) dal Passo del Piz per la Cresta NE - (3.5 km)
Tenibres (Monte) Canali Nord - (3.5 km)
Ischiator (Becco Alto dell') Canale Nord - (3.5 km)
Schiantalà (Punte di) traversata Sud-Nord - (3.5 km)
Vir (Bec dal) da Pian della Regina - (3.5 km)
Rossa (Rocca) da Pian della Regina per il versante Est - (3.6 km)
Rossa (Rocca) Canale Nord di DX dal vallone del Piz - (3.6 km)
Brossé (Rocca) Via Normale, cresta SO e versante SE - (3.7 km)
Ubac (Testa dell') Forcella Gallean - (3.7 km)
Tenibres (Monte) e Ischiator (Becco Alto d') traversata per Rocca Rossa e Cima della Montagnetta - (3.7 km)
Las Blancias (Cima) canale ESE - (3.8 km)