Primo Magnaghi Il Sol dell'Avvenire

difficoltà: 6b / 6a obbl
esposizione arrampicata: Ovest
quota base arrampicata (m): 1950
sviluppo arrampicata (m): 120
dislivello avvicinamento (m): 600

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Danzaverticale
ultima revisione: 23/06/15

vedi anche: http://www.danzaverticale.net/index.php/home/relazione/616

accesso:
Da Milano si raggiunge la città di Lecco e si seguono le indicazioni per la Valsassina, una volta a Ballabio salire ai Pian dei Resinelli quindi raggiungere il Rifugio Carlo Porta.

Dal rifugio seguire il sentiero della Cresta Cermenati sino al primo bivio con cartello indicatore per i Torrioni Magnaghi. Continuare a camminare in piano per un lungo traverso fino ad incontrare il Canalone Porta. Risalirlo con tratti semplici di arrampicata sino alla base della parete ovest del Sigaro Dones e del Primo Magnaghi che si costeggia per circa 110m. (1h15 minuti)

note tecniche:
Itinerario molto interessante su roccia ottima con chiodatura mista a fix e chiodi sempre sicura. Necessaria una certa padronanza delle difficoltà indicate in quanto i passaggi sono spesso sopra il chiodo. Nonostante la recente data di apertura la via si insinua in una zona di parete indipendente, si avvicina in un solo punto alla Graziella ma non la interseca.

descrizione itinerario:
Alla base di una bella placca verticale grigia poco a sinistra della via Graziella, fila di fix e chiodi visibili dal basso.

L1 Salire verticalmente la bella placca sino al terrazzino ove si sosta (20m, fix e ch, sosta su 2 fix, VII)
L2 Traversare orizzontalmente a destra e proseguire dritti su bella roccia verticale sino ad uscire sulla sosta posta a destra. (15m, 3ch e 1 fix, sosta su chiodo e fix, VI+)
L3 Seguire il diedrino obliquo sopra la sosta ed al suo termine uscire a destra, obliquare verso destra sino a raggiungere la sosta non visibile dal basso posta un metro a sinistra del 3°tiro della via Graziella. (25m, 1ch e 1fix, sosta su 2ch e 1fix, V+)
L4 Traversare a sinistra della sosta, quindi verticalmente stando a destra dei gialli. (15m, 3ch, sosta su 2ch, VI)
L5 Spostarsi facilmente verso destra sulla cresta sommitale. (50/55m, qualche chiodo e sosta lungo il percorso, sosta su resinati, IV)

DISCESA:
Dalla cima con una calata da 60m (posta nei pressi di una croce) si ritorna nel Canalone Porta, poi a piedi lungo questo. Possibile effettuare un’altra eventuale doppia, posta su un’ampia terrazza all’attacco della via