Mas de La Grave (Pic du) da le Chazelet

sentiero tipo,n°,segnavia: qualche pannello, rari bolli rossi in alto
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1715
quota vetta/quota massima (m): 3020
dislivello salita totale (m): 1350

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Tini
ultima revisione: 08/06/15

località partenza: le Chazelet (La Grave , 05 )

punti appoggio: Baraque de la Buffe (Locale ricovero d'emergenza)

cartografia: Carta IGN 1:50000 - Belledonne

accesso:
Dal Colle del Lautaret discendere verso La Grave. Superata la prima galleria, immediatamente prima dell'ingresso alla seconda si trova un bivio a destra. Imboccare questa strada e risalire fino alle frazioni di Ventelon e poi, svoltando a sinistra, Le Chazelet. Ridiscendere con la strada all'interno di Le Chazelet, la strad diventa sterrata e si raggiunge il torrente. Seguirlo per qualche centinaia di metri fino a Le Moulin, dove la strada inizia a risalire in modo deciso) - parcheggio per un paio di auto. Con Fuoristrada si arriva fino alla Baraque de la Buffe, con auto alta da terra senza grandi problemi fino a Rivet du Pied.

note tecniche:
Gita con un lungo avvicinamento su strada sterrata in falso piano (6.5 Km), eventualmente evitabile con fuoristrada.

descrizione itinerario:
Dalla località les Moulins (1715mt )proseguire sulla strada ad est del torrente. Dopo poco tempo si attraversa un grande ponte (L'unico in questa zona, passaggio obbligato) e si risale su strada sterrata fino alla borgata Rivet du Pied (1850 mt) circa. Proseguire sulla strada che passa sempre sul fondo del lungo vallone fino ad arrivare, dopo un paio di guadi e diversi sali-scendi, alla fine della stessa, presso la Baraque de la Buffe (2005 mt).
Da quì inizia la salita vera e propria. Il sentiero normale, segnato sulle carte ma dall'inizio decisamente poco evidente, si porta ad ovest verso la cresta denominata Le Serret, e da quì per cresta fino in cima.
Con buona visibilità si accorcia notevolmente il tragitto seguendo un evidente costone erboso che da La Baraque de la Buffe raggiunge il sentiero normale sulla cresta, a quota 2500mt. Su questo costone erboso non vi sono sentieri; è comodo, ma delimitato da due zone scoscese ad est e ad ovest.
Sulla cresta, dai 2700mt in su il terreno diventa roccioso (Terra e rocce friabili) e l'esile traccia nell'erba viene sostituita da qualche ometto di pietra e sparuti segni di vernice rossa. In prossimità dell'anticima la cresta si restringe, restando comunque agevole e sempre con traccia.
Tra l'anticima e la cima c' inizialmente un tratto in falsopiano dove a inizio stagione c'è un ampio nevaio, da superare indifferentemente su un versante o sull'altro, o attraversandolo, a secondo della convenienza del momento.
Dopo il nevaio gli ultimi 70 mt di dislivello sono su una cresta un pò più sottile, ma mai con forte esposizione, composta da rocce friabili. Si supera agevolmente restando sempre sul filo di cresta; in caso di nevai residui sull'ultimo tratto di cresta è probabile che sia necessario aggirarli.
Discesa lungo il percorso di salita.