Eissaidon (Aiguille de l') Sur le traces de Gaston

difficoltà: 6a / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud
sviluppo arrampicata (m): 100
dislivello avvicinamento (m): 200

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura

contributors: Ale94
ultima revisione: 04/06/15

località partenza: Col de la Gardiole (Cassis , 13 )

bibliografia: VTOPO ROC Calanques Escalade Édition 2011

accesso:
Dopo aver parcheggiato la macchina nel parcheggio del col de la Gardiole seguire la strada asfaltata che scende fino ad una casa. Prima del cancello imboccare la pista sterrata sulla sinistra che aggira la proprietà. Al primo bivio prendere la strada a destra e raggiungere, dopo due tornanti il fondo del vallone d'En Vau. Al successivo incrocio prendere a destra e subito sulla sinistra, appena imboccata la strada seguire un sentiero che sale rapidamente (segno marrone n°5). Raggiungere il col dell'Oule e scendere dall'altra parte seguendo una strada sterrata (sempre segno marrone). Seguire il fondo del vallone per 500 metri lasciare il fondo del vallone e risalire il sentiero sulla destra. Raggiungere la cresta dalla quale si può vedere già l' Aiguille. (1h15/1h30)
Per raggiungere la guglia imboccare un sentiro subito sotto la cresta e tenendosi sulla destra scendere tra sfasciumi vari, facendo molto attenzione al rischio di scivolare, raggiungere la spiaggia rocciosa alla base della guglia.(15 min).

note tecniche:
Attenzione!! A causa di una frana il sentiero dopo la cresta è franato e si è creato un salto di 5 metri. Quindi per superare il risalto è necessario passare sulla sinistra. Subito dopo ci si può riportare sulla destra e rimboccare il sentiero per raggiungere la base della guglia.

descrizione itinerario:
Questa via propone una scalata inedita e originale. Poco frequentata a causa del lungo avvicinamento permette di godersi ancora una roccia non cosnumata, cosa assai rara nella maggior parte delle vie delle Calanques. Ben equipaggiata sia per i primi che per i secondi permette di godersi appieno questa spaccatura formatasi dall'erosione del mare. Sconsigliata con il mare mosso (a causa dei primi 3 tiri che passano a filo con il mare) e nei week end/ vacanze con bel tempo a causa della grande quantità di battelli e canoe che passano a visitare questa spaccatura molto caratteristica. Per la discesa ci sono due catene sulla parete opposta a quella di arrivo che permettono con due calate da 45 metri di essere alla base.

Lo ripeto:
attenzione a non far cadere pietre sulle barche/kayaks che entrano nell'apertura.