Gambarogno (Monte) da Dirinella per monte Covreto e monte Paglione

sentiero tipo,n°,segnavia: bianchi e rossi, segnaletica gialla sentieri svizzeri
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 197
quota vetta/quota massima (m): 1734
dislivello salita totale (m): 1537

copertura rete mobile
altri : 100% di copertura

contributors: guido.ch
ultima revisione: 24/05/15

località partenza: Dirinella (Svizzera) (Caviano , Locarno )

punti appoggio: rifugio Alpetto, rifugio Sant'Anna

cartografia: carte escursionistiche Swisstopo 1:50'000 foglio 286T Malcantone

accesso:
Raggiungere il confine Italo-Svizzero a Zenna e posteggiare a ridosso della frontiera nel piccolo piazzale di fronte al bar ove non vi è limite di orario di stazionamento (sul versante svizzero il limite è 4 ore).

note tecniche:
Scegliere una giornata di bel tempo in modo da godere dello spettacolare panorama che si gode dal monte Gambarogno.
L'itinerario è lungo circa 20 Km e si può effettuare in giornata (circa 7-8 ore). Il ritorno può essere lungo il percorso di andata o in alternativa può seguire il sentiero che porta all'alpe di Lierna, al Piano di Lierna, ai Monti di Piazzogna, Piazzogna e Alabardia ove con un bus che percorre il lungolago si può rientrare a Dirinella (verificare gli orari di passaggio).
Da notare che con i saliscendi il dislivello supera i 2000 metri.
Nei boschi il sentiero è spesso coperto da abbondante fogliame ed i segnavia sulle rocce per terra possono essere non visibili; comunque sono più che sufficienti quelli sugli alberi in modo da non perdersi.

descrizione itinerario:
Da Zenna superare il confine italo-svizzero a piedi e dopo pochi metri imboccare il sentiero sulla destra sotto un archivolto in pietra (segnavia gialli verso monte Paglione).
Si attraversa l'abitato di Scaiano e si continua nel bosco a ridosso del torrente Dirinella che segna il confine. Si continua verso una pittoresca frazione (Monti di Caviano) e si raggiunge il rifugio Alpetto dal quale già si gode di un magnifico panorama. Da qui proseguire seguendo l'indicazione per Indemini e Monte Paglione. Appena usciti dal bosco si rientra senza percepirlo in territorio italiano (con un po' di abilità si scorge sulla destra del sentiero più a valle il cippo di frontiera). Il cammino ora è segnato da pali e dopo poco segue a zig zag il confine per entrare un'ultima volta in Svizzera ove si raggiunge il Monte Covreto; dopo una breve discesa si risale di pochi metri per arrivare al Monte Paglione ove il cippo numero 10 segna nuovamente il confine. Da qui inizia una discesa nel bosco verso la chiesa di Sant'Anna che funge anche da rifugio e ove vi è una fontana.
Dalla radura di Sant'Anna il sentiero continua nuovamente nel bosco (seguire l'indicazione gialla per il Monte Gambarogno) che si raggiunge con una lieve perdita di quota passando dall'Alpe Cedullo lungo un sentiero sempre ben segnato in circa 1 ora e 30 minuti (quando si avvista la croce porre attenzione al bivio che sulla destra porta alla cima del Gambarogno).
Scendendo dal monte si può riprendere il sentiero abbandonato in salita e che va in discesa verso la croce e da lì proseguire seguendo le indicazioni gialle per Monti di Piazzogna, Piazzogna e successivamente la piccola strada che da Piazzogna porta sul lungolago ad Alabardia ove vi è la fermata dell'autobus che riporta a Dirinella.

altre annotazioni:
Per chi ama i sentieri di confine il percorso è curioso per il suo zigzagare lungo la frontiera e dà la possibilità con un po' di attenzione di rendersi conto dei punti esatti ove questa decorre.