Gaggio (Cima) Ferrata dei Tre Signori

difficoltà: AD ::
esposizione prevalente: Sud-Est
quota base ferrata (m): 1440
sviluppo ferrata (m): 300
dislivello avvicinamento (m): 300

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: giuliano
ultima revisione: 10/05/15

località partenza: Mornera (Monte Carasso , Bellinzona )

punti appoggio: Grotto Mornera, Capanna Albagno

accesso:
Mornera si raggiunge con la funivia che parte da Monte Carasso. La funivia dispone di 2 cabine che possono trasportare max 8 persone cadauna. Considerare un tempo di attesa tra un viaggio e l'altro di circa 12'-15'. Per prezzi, orari ecc. ecc. fare riferimento al sito http://www.mornera.ch/

note tecniche:
La Ferrata dei 3 Signori è in realtà un complesso di 3 percorsi, di cui 2 definiti di difficoltà media e 1 definito difficile.
Per visualizzare il corretto schema dei tre itinerari, fare riferimento a questa immagine pubblicata sulla pagina facebook della ferrata https://www.facebook.com/tresignori/photos/a.1483487395199070.1073741829.1469546016593208/1606261106255031/?type=1&theater .
La salita alla Cima Gaggio è in realtà un'optional (come del resto lo è il raggiungimento della Capanna Albagno) ma aggiunge al piacere di una percorrere una ferrata la soddisfazione di raggiungere una panoramica vetta. La combinazione dei 2 percorsi "medi" è a mio avviso classificabile AD/AD+. Volendo dare un paragone, presenta difficoltà paragonabili a quella di Simplon-Gabi con una durata però doppia.

descrizione itinerario:
Da Mornera si segue il percorso per la Capanna Albagno, abbandonandolo poco dopo aver raggiunto un piccolo laghetto per seguire (indicazioni) a sx un sentiero dapprima pianeggiante poi in leggera discesa che porta in circa 40' all'attacco della ferrata. Il percorso è inizialmente unico e si sviluppa lungo una serie di placconate con tratti anche verticali e dove ogni tanto si deve necessariamente cercare il contatto con la roccia.
Dopo circa un'ora si giunge alla fine del primo troncone dove si può uscire sulla via di fuga che corre parallela a sx rispetto al proseguimento della ferrata oppure (andando ancora più a sx) percorrere la variante difficile.
Se si decide di continuare sul percorso "base" si affronta subito un espostissimo traverso con tratto iniziale in discesa per poi proseguire sempre su placconate con qualche tratto più atletico rispetto all'inizio. Si raggiunge infine un estetico spigolo abbastanza lungo che porta infine al contenitore di metallo dove è custodito il libro firma (1h 45'- 2h dall'attacco).
A questo punto si può uscire sul visibile sentiero per la Capanna Albagno oppure proseguire a sx sul secondo percorso definito medio che ha una durata di circa 30' e che, dopo alcuni tratti molto semplici, porta ad una difficile placca caratterizzata da alcuni strapiombi piuttosto atletici. Questa è però l'ultima difficoltà, in quanto ben presto i cavi finiscono nei pressi dell'uscita del ponte tibetano che rappresenta la conclusione della variante difficile. Da qui in pochi minuti ci si porta sul sentiero per la Capanna Albagno che, volendo, si raggiunge in circa 20'.
Dalla Capanna la salita più ovvia ad una vetta è rappresentata dalla ben visibile Cima Gaggio che può essere raggiunta in circa 1h seguendo il ben segnalato sentiero oppure portandosi ad una bocchetta e poi percorrendo l'elementare cresta che in ultimo converge sul sentiero.

altre annotazioni:
La ferrata è stata inaugurata l'11 agosto 2013 per quanto riguarda il percorso "base" e ha da subito guadagnato il favore dei ferratisti elvetici e italiani. Va segnalato che, per quanto riguarda gli altri due percorsi, il progetto è cambiato rispetto all'iniziale che viene tuttora illustrato nelle bacheche all'arrivo e alla partenza della funivia, il che può ingenerare un po' di perplessità nei suoi fruitori.