Ros (Mont) da Montjovet

sentiero tipo,n°,segnavia: 2E, 30, 3
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 380
quota vetta/quota massima (m): 1420
dislivello salita totale (m): 1060

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: rfausone
ultima revisione: 13/04/15

località partenza: Montjovet (Montjovet , AO )

punti appoggio: nessuno

cartografia: Basse Valli d'Ayas e Gressoney, n.12, ed:L'escursionista

bibliografia: nessuna

accesso:
L’itinerario prende il via dal parcheggio della Chiesa Della Natività Della Vergine (molto evidente all’inizio del paese).

descrizione itinerario:
Si attraversa il paese in direzione Nord raggiungendo prima la frazione Brun ed in seguito Muret. Nei pressi della frazione Vignola dove c’è grosso parcheggio (possibile alternativa di partenza) si segue la stradina asfaltata in direzione Nord e che attraversa la borgata, fino a giungere ad un sentiero dove si svolta a destra. Si attraversa alcune volte la strada asfaltata (percorrendola brevi tratti) superando le frazioni Fenillettaz, Petit Hoel e Grand Hoel. Si raggiunge in seguito il Mulino d’Arlaz 1014m (ben ristrutturato). Dal Mulino si sale di poco e si giunge al colle Arlaz. Si prosegue in piano su di una sterrata che costeggia il Ru d’Arlaz seguendo le paline con indicazione 30 (32 sulla carta). Dopo circa 400 metri si incrocia un evidente bivio non segnalato sulla sinistra e lo si segue lasciando la stradina. Ci si inoltra nel bosco e ad un successivo bivio si svolta a destra in salita raggiungendo in seguito un colletto. Dopo una lieve discesa si raggiunge un nuovo bivio indicato da una grossa pietra di quarzo a mo’ di ometto, dove si svolta a destra abbandonando il sentiero precedente e passando sotto all’imponente bastionata che non è altro che la cresta Sud del Monte Ros. Si giunge nei pressi di un curioso monolite ed il sentiero cambia direzione fino a raggiungere una condotta forzata che si può costeggiare da ambo i lati (più comodo il lato Ovest seguendo le rotaie). Si raggiunge la centrale del bacino di Orbeillaz, che si aggira su tracce e poi si prosegue sempre per tracce, via via sempre più evidenti fino a raggiungere la cresta e poi la meta della nostra salita.