Bruna (Punta) canale E

difficoltà: PD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1280
quota vetta (m): 2664
dislivello complessivo (m): 1400

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: m.gulliver
ultima revisione: 01/04/15

località partenza: Villanova (Bobbio Pellice , TO )

cartografia: IGC 1:50.000 n. 6 Monviso; Fraternali n. 7 1:25.000

note tecniche:
Il canale descritto incide il versante E di questa montagna con un solco rettilineo di circa 600 m di dislivello con pendenze comprese fra i 40 e 45 gradi. E' una salita consigliabile soprattutto in pieno inverno, con innevamento non troppo abbondante o persino assente alle basse quote, ma anche in primavera, quando però, vista l'esposizione, è consigliabile attaccare il canale già all'alba.

descrizione itinerario:
Salita: dal primo tornante della pista del Pra dopo il villaggio di Villanova imboccare il sentiero che sale ripido nel bosco e conduce nella pista, interdetta al transito, per le Alpi Bancet e Giulian. Seguire la pista (scorciatoie) fino ad un bivio a quota 2000 m circa, quindi, tralasciando il ramo di sx che conduce alla colletta delle Faure e all'alpe Bancet, proseguire sul ramo di dx che porta all'alpe Giulian, dopo breve cambia versante ed entra nel vallone del rio Cruel. Si prosegue sulla pista per 7-800 m, il canale da risalire è il secondo che si incontra e che attraversa perpendicolarmente la strada; pochi metri oltre il canale c'è un cartello indicatore (se non è sommerso dalla neve).
Si risale il canale, con pendenze comprese di 40/45 gradi e con alcuni tratti più ripidi di ghiaccio o misto, più o meno impegnatativi, a seconda del periodo, delle condizioni ambientali e dell'innevamento. Nella parte finale il solco è meno inciso, si allarga, e si esce ad un colletto pochi metri a sud della cima che si tocca piegando verso dx (Nord).
Discesa: si segue per un tratto la rocciosa cresta S si supera un rudere di una casermetta quindi si scende lungo il ripido e erboso versante SSE, senza percorso obbligato, puntando alla pista che lo taglia a quota 2100 m circa. In caso di innevamento residuo è possibile seguire un vago canale a fianco della cresta SE (35/40°).
Ormai prossimi alla pista si piega a sx e si raggiunge la Colletta delle Faure, da dove seguendo la strada (scorciatoie) si raggiunge il bivio incontrato in salita e si torna a Villanova.

altre annotazioni:
La Punta Bruta è una cima secondaria della Val Pellice (innominata sulla carta IGC 1:50.000) che forma una parete orientale ben visibile risalendo nel tratto Bibiana-Luserna S.G.