Marta (Cima di) anello da Colla Melosa per i Monti Grai, Ceriana e Balcone di Marta

tipo itinerario: su dorsale
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud
quota partenza (m): 1540
quota vetta/quota massima (m): 2138
dislivello totale (m): 1090

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: roberto vallarino
ultima revisione: 03/03/15

località partenza: Colla Melosa (Pigna , IM )

punti appoggio: Rifugio Allavena

cartografia: IGC 1:50000 San Remo Imperia e Montecarlo

accesso:
Da Arma di Taggia per la Valle Argentina fino a Molini di Triora e da li a sx per la tortuosa strada fino alla Colla Melosa.

note tecniche:
Bel giro ad anello molto panoramico che consente di salire su quattro belle montagne e nell'insieme gita abbastanza facile con solo il tratto ripido per il Monte Grai e brevi traversi che contornano Cima Marta. In caso di abbondante innevamento con accumuli, conviene passare per il Monte Grai e evitando di passare a nord del Monte Grai per la strada e dal versante ovest, anche se gia' piu' sicuro.

descrizione itinerario:
Dalla Colla Melosa (m.1540) si segue brevemente la strada, per poi salire lungo il solco della mula raggiungendo il Rifugio Grai (m.1920) e alle sue spalle a risalire il ripido pendio fino alla vetta del Monte Grai (m.2012). Dalla vetta si scende verso N/W per dorsale tra il lariceto alla Porta Bertrand (m.1961) e sempre su dorsale si prosegue toccando l'ampio cupolone del Monte Ceriana (m.2027) per poi scenderlo direttamente a nord nel lariceto tenendosi verso dx fino alla strada ex militare presso il vecchio rifugio.
Ora la si segue fino ad arrivare dalle casermette militari e sempre presso il tracciato, si va a sx per contornare con brevi traversi secondo la neve, tutta la Cima di Marta superando i due costoni per arrivare all'ampia Sella (Pal. La Brigue) e da li a sx per dorsale fino al Balcone di Marta (m.2123).
Ritornati alla Sella, non resta che riprendere a salire e facilmente si raggiunge la Cima di Marta (m.2138).
Dalla vetta poi si scende direttamente verso sud ritornando alle casermette, da dove si segue il tracciato della strada fino alla Porta Bertrand e li cosi' esistono tre possibilita': se le condizioni sono buone si segue la strada passando a nord del M.Grai oppure per il versante ovest alla Sella d'Agnaia, se no conviene ripassare per il Monte Grai che seppur piu' ripido e' sicuro. Dal Rifugio Grai si prosegue per la stessa.

altre annotazioni:
Bunker militari e casermette.