Pale di San Martino (Altopiano delle) itinerari dalla stazione di arrivo Rosetta

tipo itinerario: altro
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Tutte
quota partenza (m): 2633
quota vetta/quota massima (m): 3192
dislivello totale (m): 892

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: mountain
ultima revisione: 16/02/15

località partenza: Funivia Rosetta (San Martino di Castrozza , TN )

punti appoggio: Rif. Rosetta-Pedrotti

bibliografia: Scialpinismo nelle Pale di S.Martino - edizioni Vividolomiti

accesso:
Da S. Martino di Castrozza, impianti Col Verde e funivia Rosetta

note tecniche:
Itinerari con grandiosi panorami; data la complessità del terreno sono previste diverse risalite; da non intraprendere con scarsa visibilità.
Per le traversate con arrivo nella Val Canali predisporre un'auto per il ritorno.

descrizione itinerario:
Per il rientro da Rosetta con discesa fuoripista al Col Verde (dalla stazione di arrivo Rosetta, scendere il bel pendio NE fino al passo di Rosetta m. 2.572 che immette nel catino iniziale orientato ad ovest; a seconda delle condizioni scendere: o sul pendio a sinistra, o al centro con il passaggio in un ripido canaletto incassato fra pareti, oppure a destra sulla cengia-pendio che fiancheggia la lunga parete di Cima Corona; raggiunta la parte bassa portarsi decisamente a destra appena al di sotto della parte inferiore della parete di Cima Corona ed iniziare un traverso esposto; proseguire il diagonale sempre su ripidi pendii superando una conca per poi raggiungere una dorsale la quale viene discesa brevemente fino ad un accenno di ripiano dove viene scavalcata per portarsi in un canale ovest che conduce nel pendio lungo il quale facilmente si perviene alla stazione di arrivo del Col Verde); qualora l'itinerario non fosse in condizioni, è consigliabile rientrare in funivia.

Itinerari più interessanti.
a) Passo di Travignolo m. 2.925 (BS) o Cima di Vezzana m. 3.192 (BSA), scendere dalla staz. Rosetta, passare il Rifugio Rosetta-Pedrotti e raggiungere il Pian dei Cantoni m. 2.300 per risalire poi il Vallone dei Cantoni (esp. SE) fino al Passo poi il pendio sud, la sella e la spalla sud-est della Vezzana; ritorno a Rosetta sullo stesso percorso ; é anche possibile la discesa dal Passo di Travignolo dal canale ovest verso Passo Rolle (OSA - consigliabile una doppia iniziale) - itinerari già recensiti;

b) Varie vette poste sulla cresta tra la Cima Rosetta m. 2.743 e la Cima di Fradusta m. 2.939 (Cima di Roda m. 2.788, Cima delle Scarpe m. 2.802, Cima Tomé m. 2.748) - itinerari di tipo escursionistico.
Dalla stazione di arrivo Rosetta si può salire in breve a Cima Rosetta su agevole pendio; scendendo si può continuare in direzione del Rifugio Rosetta-Pedrotti, senza raggiungerlo, per poi attraversare i vari falsipiani, conche e dossi che si susseguono alla base delle varie puntine della cresta che a piacimento possono essere raggiunte o con itinerari diretti se praticabili oppure dalle sellette laterali. Da Cima Rosetta, con buone condizioni, anziché andare verso il rifugio Pedrotti é pure interessante aggiungere un pò di discesa dirigendosi verso il Passo Val di Roda e proseguire la discesa nella parte alta del canale di Val di Roda per poi ripellare ritornando al Passo e proseguire verso la meta prefissata.

c) Dalla Cima di Fradusta il ritorno verso Rosetta é alquanto monotono, per cui raggiungendo questa cima conviene effettuare la traversata dalla sella NE della Fradusta verso la Val Canali (arrivo al Cant del Gal) passando prima o dalla Forcella Alta del Ghiacciaio oppure lungo le Buse Alte poi dal Passo di Canali (BS); dalla sella NE della Fradusta é altrettanto interessante (BSA) scendere nel Vallon di Manstorna fino al Cant del Gal - itinerari già recensiti.
E' pure interessante (BS) effettuare la traversata dal Passo della Fradusta m. 2.610 (nei pressi dei Laghi di Fradusta) verso la Forcella di Lede m. 2.695 (breve risalita dopo un lungo traverso) per scendere nel vallone delle Lede fino a quota 2.200 per ripellare verso la Forcella delle Sedole per poi scendere verso la Val Canali;

d) Traversata ad anello attraverso il Passo di Pradidali Alto m. 2.708 (tra Cima Scarpe e Cima Tomè), discesa nel vallone di Pradidali fino al rifugio omonimo m. 2.278, ripellata verso il Passo di Ball m. 2.443 e discesa nella parte alta della Val di Roda, poi attraverso i Prati di Col si giunge a San Martino (BS); d1) oppure dal Rifugio Pradidali scendere nel Vallone di Pradidali poi nella Val Canali fino a La Ritonda m. 1.186.