Hjörleifshöfði da Vik i Myrdal

L'itinerario

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Est
quota vetta/quota massima (m): 221
dislivello salita totale (m): 300

copertura rete mobile
altri : 100% di copertura

contributors: barrosismo
ultima revisione: 14/02/15

località partenza: Myrdalssandur, Vik (undefined , undefined )

punti appoggio: Nessuno

accesso:
Dalla località di Vik prendere la Hrinvegur n°1 in direzione Kirkjubæjarklaustur, lasciare a sinistra la deviazione per la (meravigliosa) località di Þakgil e prendere una stradina sterrata sulla destra. Indicazioni per Hjörleifshöfði comunque presenti nei pressi dell'incrocio.

note tecniche:
Coordinate GPS: N63° 25' 13.211" W18° 44' 58.003"

descrizione itinerario:
Dal parcheggio ai piedi della collina, dirigersi verso destra e seguendo l'evidente facile sentiero si arriva ad un pianoro. La vista si allarga verso i ghiacciai del Myrdalsjokull e sul Myrdalssandur.
Dai verdissimi pianori proseguire in direzione S e superando alcune placche elementari si arriva in vetta. Presenza di un altare commemorativo per Ingólfr Arnarson, libro di vetta e un enorme ometto di mattoni.
La vista sull'Oceano toglie il fiato, il blu infinito si mischia al verde fosforescente dell'erba e al gelido azzurro dei ghiacciai che svettano all'orizzonte sopra un mare di sabbia nera. Per la discesa proseguire il giro ad anello verso W, senza nessun problema si torna alla strada immersi in un ambiente meraviglioso ed esotico.

altre annotazioni:
Hjörleifshöfði è il prodotto di un'eruzione sottomarina dell'ultima era glaciale. La roccia è hyaloclastite, le continue eruzione del terribile vulcano Katla hanno di fatto spostato la riva dell'Oceano di circa 800m, così quelle che una volta erano delle scogliere a picco sull'acqua ora sono a verticale sulla nera sabbia del Myrdallssandur.