Muretto (Monte) da Tora

tipo itinerario: bosco fitto
difficoltà: MS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Est
quota partenza (m): 990
quota vetta/quota massima (m): 1705
dislivello totale (m): 732

copertura rete mobile
3 : 40% di copertura

contributors: davide_ruf
ultima revisione: 10/02/15

località partenza: Tora o Prese Viretto (Giaveno , TO )

punti appoggio: B&B Pian Savin, La Locanda del Saggio Castagno.

cartografia: Fraternali 1:25k 4,6. IGC 1:50k 17

accesso:
Giaveno, Monterossino, Borgata Tora.
Oppure Giaveno, Maddalena, Prese Viretto.

note tecniche:
Facile itinerario per aspiranti Cyrano de Bergerac. 400m di boschina per godere di 300m di Rossana sotto forma di bel pendio triangolare tra il monte Paletto e il Muretto.
Il pendio finale è in genere sotto vento, come Rossana(l).

descrizione itinerario:
Partenza dalla borgata Tora o da Prese Franza superiori se la strada lo consente. Seguire itinerario 407 per il colle del Besso fino a circa al colle dell'asino (1237m) da cui parte deviazione per Fontana Pitacrù. Seguirla e a seconda della condizione del triangolo sommitale puntare al paletto a sx o al muretto a dx.
In alternativa si può partire dalle prese Viretto passando dal Pontetto. Infine seguire sentiero 408 (Vallone del Rio Parco, Bioparco!) fino al ricongiungimento con il precedente itinerario nei pressi del colle dell'asino.

altre annotazioni:
Itinerario scoperto dal fratello brutto di Adolfo Kind, al secolo Ugilberto Kind-Hearted che, geloso delle scorribande del fratello al Prafieul, decise di cimentarsi nell'ardita ascesa del Muretto. La leggenda narra che fu accompagnato dal Reverendo Ruffinatti, scopritore delle (false) miniere d'oro della Merlera. Tracce del loro passaggio si vedono ancora oggi al Roc Maridur nella forma di profondo solco nella roccia dovuto alla potenza dell'orinata da tori spagnoli dei due uomini.