J. Charrey (Punta) Spigolo Bozzetti

difficoltà: 6a
esposizione arrampicata: Varie
quota base arrampicata (m): 2700
sviluppo arrampicata (m): 320
dislivello avvicinamento (m): 1000

copertura rete mobile
vodafone : 50% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: valgrisa77 bertu66
ultima revisione: 08/07/13

località partenza: Ruz (Bionaz , AO )

punti appoggio: Rifugio Crete Sèche m. 2410

accesso:
Dal Rifugio Crete Seche si sale verso il biv. Spataro, appena sotto le rocce si devia a sinistra su pietraia sino all'evidente spigolo che scende dalla punta Charrey.

note tecniche:
Bella arrampicata di stampo classico evidente che segue lo spigolo che porta alla punta Charrey.
Roccia mediamente solida ma che richiede attenzione per qualche blocco e lama instabile, spesso ricoperta di licheni, da evitare in caso di pioggia.
Valutabile sul TD-, 270 m di dislivello e circa 320 di sviluppo; i tiri di corda sono sempre piuttosto brevi, sui 30 m.
Soste sono nuove ed ottime ( due spit con cordoni), ma l’impegno della salita non è molto cambiato: chiodi ravvicinati solo nei tratti più duri (aperti in artificiale), molto rari per il resto, pertanto l’itinerario è spesso un po’ da cercare.

descrizione itinerario:
1) Si attacca alla base dello spigolo risalendo un’evidente rampa verso sinistra, fino a terrazzino (3+).
2) Si segue una fessura e un diedro obliquo verso destra, ritornando poi a sinistra su un gradino (4+).
3-4) Si segue lo sperone con difficoltà discontinue (4 poi 3), fino a un terrazzino dove lo spigolo diventa affilato.
5) Ignorare una sosta con vecchi cordoni in alto a sinistra dello spigolo che può indurre in errore, salire verso destra e seguire il filo dello spigolo, che diventa assai aereo, superando alcuni piccoli strapiombi fino a un terrazzino alla base di un diedro (4+)
6) Continuare sullo spigolo, inizialmente a sx, poi scavalcarlo alla base di un strapiombo, continuando fino alla sosta alla base di una placconata con licheni a dx dello spigolo (4+).
7) Superare la placconata salendo in obliquo (5-5+, 3 chiodi) e uscire più facilmente sull’affilato spigolo, che si segue fino a un comodo terrazzino alla base di un muro verticale levigato e solcato da una fessura (spit ben visibile in alto sulla placca)
8) Superare il suddetto muro obliquando poi a sx. (6a oppure A0; A1 secondo Vaucher)
9) Continuare sullo spigolo superando un risalto strapiombante ma con ottime prese (occhio a quelle non sicure!), traversare pochi metri verso dx fino a sosta sotto altro ripido risalto (5-5+).
10) Traversare a dx in orizzontale qualche metro e salire verticalmente verso un ripido diedro che si risale fino al termine (6a oppure A0; VI –A2-V+ secondo Vaucher). Probabilmente l’itinerario proposto sul sito de rifugio prevede di traversare a sx e salire per placche, forse più facile ma molto poco evidente.
11) Superare placche con fessure a dx dello spigolo (chiodi) e arrivare a sosta sul filo poco più in alto ( 4+ e 5)
12) Salire ancora un tratto sulla dx, poi tornare sul filo verso un diedro che conduce sulla cresta sommitale poco a sinistra della vetta (4+).
13) Si può raggiungere la vetta superando l’ultimo mezzo tiro della via Brontolo Balakov (3+)

Per la discesa 2 possibilità:
1) In doppia su Brontolo Balakov, dopo la prima che conduce all’intaglio, sono consigliabili calate brevi (25 m)... noiosa ma tranquilla
2) Più impegnativa ma molto più interessante, consiste nell’effettuare la traversata fino alla Vierge de l’Arolette, aggiungendo almeno un’ora di arrampicata facile in cresta (II, tratti di III). Seguire la cresta verso N aggirando la seconda e scavalcando la terza vetta del Trident de l’Arolette, (con successiva calata in doppia). Proseguire con facile arrampicata fino in cima alla Vierge de l’Arolette (m 2960), da cui si scende lungo la cresta N effettuando 4-5 doppie da 25 m (attrezzate) fino al Col de l’Arolette. Di qui a destra su pietraie o neve si scende verso la base della parete della Vierge raggiungendo il percorso di accesso per l’attacco della via.