Costazza (Bec) dalla strada per Dondena

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Est
quota partenza (m): 1700
quota vetta/quota massima (m): 3092
dislivello totale (m): 1400

copertura rete mobile
vodafone : 26% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: emanuele_80
ultima revisione: 14/12/14

località partenza: Remoran (Champorcher , AO )

punti appoggio: Rifugio Dondena (2192 m)

cartografia: Valle di Champorcher - Parco Mont Avic n°11 - L'escursionista editore

bibliografia: Itinerari sci-alpinistici CD-ROM

accesso:
Uscita al casello autostradale di Pont-Saint-Martin, proseguire appena oltre Bard e svoltare a sinistra imboccando la Valle di Champorcher. Raggiunto l'abitato, appena superata una piazzetta sulla sinistra, si stacca a destra la strada che porta alla frazione Mont Blanc. Continuare lungo la strada sterrata per Dondena fin dove le condizioni d'innevamento lo permettono.

note tecniche:
Cupolone roccioso sulla cresta divisoria Cogne-Champorcher, ben visibile dal Lago Miserin. L'itinerario percorre pendii ampii con un ultimo tratto più ripido per accedere al colletto. La salita in cresta alla vetta può risultare impegnativa in caso di neve abbondante (utili piccozza e ramponi).

descrizione itinerario:
Dalla strada per Dondena si segue il tracciato della stessa in direzione della Fenêtre de Champorcher. Per salire al Miserin è possibile proseguire fino al ponticello a quota 2468 m e poi salire direttamente a sinistra seguendo approssimativamente il sentiero estivo, oppure, giunti alla base dei contrafforti del Mont Rascias, a circa 2350 m, si punta ai tralicci del Superphenix e si traversa su dossi in direzione del Rifugio Miserin.
Da qui si attraversa l'emissario del lago e si risale il valloncello NE a destra del Truc del Lago.
Ci si porta quindi sul pendio esposto ad E e, con un tratto più ripido, si giunge al colletto 2982 m alla base della cresta S del Bec Costazza. Generalmente si lasciano qui le racchette.
Si percorre quindi la cresta S, seguendo una traccia tra le roccette (qualche ometto), evitando il filo di cresta sul lato della Valle di Cogne e giungendo senza grandi difficoltà fino in vetta.
Se la cresta non è in condizione o risulta troppo innevata, si può raggiungere la ben evidente anticima a sinistra del colletto quotata 3025 m, direttamente con le racchette ai piedi.
Discesa per l'itinerario di salita.