Ridotta d'Andourn da Fenestrelle

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1150
quota vetta/quota massima (m): 1740
dislivello salita totale (m): 650

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: ameliammalia
ultima revisione: 09/11/14

località partenza: Fenestrelle (Fenestrelle , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.3 Val di Susa Val Cenischia Rocciamelone Val Chisone

bibliografia: Le strade dei Forti, M. Boglione

accesso:
Poco prima di raggiungere Fenestrelle, 200 m. prima dei ruderi della ridotta Carlo Alberto, si svolta a sinistra seguendo in discesa le indicazioni per Chambons; appena dopo il ponte si parcheggia di fronte alla Centrale idroelettrica.

descrizione itinerario:
Dalla centrale, si prende a dx - direzione Fenestrelle - lungo la via indicata con cartelli "Via dei Romani"; si prosegue fino a raggiungere una sterrata, si svolta a sx (a dx si raggiunge il ponte sul Chisone che conduce nel centro paese) e si sale ai ruderi del Forte Moutin.
Si prosegue sulla strada fino a raggiungere un'area attrezzata sulla sx. Da qui, prendere il sentiero a dx che parte pochi metri sopra la recinzione di un'antenna e del pilone votivo (senza superare la condotta forzata), passa accanto al traliccio dell'alta tensione e si inerpica lungo il pendio del Monte Gran Costa, a fianco della condotta forzata.
Raggiungere i ruderi della ridotta Eisduc, posizionata a monte del pozzo della condotta forzata della centrale. Da qui il sentiero prosegue a sx ed è segnalato con cartelli di legno.
Continuare seguendo il sentiero che, spostandosi progressivamente verso sx, sbuca sul pendio che in breve porta alla Ridotta d'Andourn (lapide con scritta).

altre annotazioni:
Realizzata nel 1701 sulla cresta spartiacque della Gran Costa, la ridotta doveva impedire che il luogo, adatto per bombardare dall'alto il sottostante Forte Mutin, venisse occupato dagli assedianti.