Forno (Rifugio del) Anello dalla val Muret alla Valle del Forno

sentiero tipo,n°,segnavia: sentiero,Bianco-rosso
difficoltà: EEA   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1815
quota vetta/quota massima (m): 2728
dislivello salita totale (m): 913

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: gambalesta
ultima revisione: 05/10/14

località partenza: Passo della Maloggia (Bregaglia , Maloggia )

punti appoggio: Rifugio Cap. Del Forno

cartografia: Carta Kompass N°93 1 : 50000

accesso:
Dall'Italia superare Chiavenna e risalire interamente la Val Bregaglia fin oltre il confine Svizzero e raggiungere il passo.

note tecniche:
Percorso dal notevole sviluppo e da tratti da non sottovalutare sopratutto con innevamento. Attenzione il tratto sottostante il rifugio attraversa una morena con numerosi massi instabili e pericolanti.

descrizione itinerario:
Dal Passo portarsi verso sud tramite una stradina asfaltata prima , sterrata poi. Superato un tratto di piano e alcune curve si perviene ad un lago . Si passa a sinistra e al suo termine parte il sentiero che risale la parte bassa della Val del Forno.
Senza grandi pendenze si arriva alla biforcazione della valle e da qui se non si vuole puntare diretti al rifugio si può oltrepassare una passerella a sinistra sul torrente e risalire il conoide che dà accesso alla Val Muretto sino a circa metà vallone. Evidenti Bolli di vernice bianco rossi sulla destra indicano quando abbandonare il sentiero.
Risalire un pendio ripido e arrivare ad un piccolo laghetto. Seguendo evidenti paline salire in obliquo verso sud est, poi superare alcuni tratti morenici molto ripidi sino ad oltrepassare una piccola crestina.
Da qui il percorso tiene un andamento abbastanza lineare senza grandi dislivelli ma con a volte il senso del vuoto fino ad arrivare ad un piccolo lago glaciale (2728 m) punto più alto del percorso.
Di qui seguendo le tracce e le indicazioni scendere verso sud sino ad un colletto roccioso. Successivamente discendere alcune placche granitiche pedonabili ed arrivare al bel rifugio. Per continuare l'anello bisogna scendere fino alla lingua del ghiacciaio tramite un sentiero ardito e complicato che di anno in anno subisce modifiche.
Raggiunto il letto del torrente , ridiscenderlo passando sul lato sinistro orografico fino a congiungersi con il percorso di salita.