Tor (Cima del) da San Giacomo per Lago del Vei del Bouc

sentiero tipo,n°,segnavia: M14 - M14b
difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1215
quota vetta/quota massima (m): 2400
dislivello salita totale (m): 1200

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: SirFlowersNL
ultima revisione: 26/09/14

località partenza: San Giacomo di Entracque (Entracque , CN )

accesso:
Giungere a Borgo San Dalmazzo. Una volta lì, seguire le indicazioni per Valle Gesso. Giunti alla rotonda "Porta delle Alpi" prendere l'uscita recante la medesima indicazione. Proseguire fin dopo la cittadina di Valdieri, e alla prima rotonda dopo questa, prendere la seconda uscita per Entracque. Al terzo bivio svoltare a destra per direzione San Giacomo, e proseguire seguendo sempre quest'ultima indicazione anche presso i successivi due bivi. Circa 5 Km dopo l'ultimo bivio si giunge a destinazione ove è possibile parcheggiare l'auto. Il suddetto itinerario si sviluppa nella sua interezza su strada asfaltata, seppur nell'ultimo tratto talmente stretta da riuscirci a passare a malapena una sola macchina.

note tecniche:
Itinerario nel complesso semplice e panoramico, non povero di suggestivi scorci. Il primo tronco è molto semplice e privo di qualsiasi difficoltà. Nel secondo, gli effetti di recenti valanghe e la poca cura della traccia del sentiero, implicano una maggiore attenzione da parte dell'escursionista. Vi sono infatti tratti franati o altri in cui il sentiero sembra prendere più direzioni. Inoltre la traccia principale non conduce propriamente alla cima, pertanto il suo raggiungimento comporta un breve tratto in cui si vede necessario l'uso delle mani per superare un pendio molto ripido.
La valle del Vei del Bouc è un'area tanto suggestiva quanto appartata e desolata rispetto alle sue vicine.

descrizione itinerario:
Partendo dal parcheggio, prendere la direzione verso sinistra rispetto al cartello segnaletico, ovvero verso "Gias Sottano del Vei del Bouc". Intrapresa tale strada e superate le case coloniche religiose, dopo circa una ventina di minuti ci si trova all'imbocco del "Pra del Rasur".
Proseguire quindi lungo la strada percorrendo tutto il fondo valle fino a raggiungere il bivio M14-M13. A questo punto prendere la direzione sinistra rispetto ad esso, ovvero proseguire lungo il sentiero M14 verso "Lago del Vei del Bouc".
A questo punto incomincia un sentiero non molto ripido, ricco di tornanti, il quale attraversa da prima un boschetto per poi avvicinarsi al ripidissimo alveo dell'emissario del Lago del Vei del Bouc. Quest'ultimo pezzo di sentiero è stato recentemente modificato come si può ben notare dalla segnaletica posta: precedentemente infatti il sentiero seguiva una pista che si allontanava dal ruscello. Passati circa quarantacinque minuti dal bivio del Gias Sottano, si giunge al bivio M19-M14-M14b il quale indica verso sinistra la prosecuzione verso il "Monte Carbonè" e verso il "Colle del Vei del Bouc" e verso destra semplicemente indica "Lago del Vei del Bouc".
A questo punto occorre proseguire verso destra, superare quindi un ponticello (anch'esso recentemente ricostruito in quanto è possibile vedere ancora il precedente diruto) che permette di superare l'emissario del lago, e in meno di 2 minuti giungere sulla riva destra (guardando a monte) dello stesso.
Qui sorge una casetta di proprietà del Parco Regionale Alpi Marittime, perennemente chiusa se non quando serve al personale dell'ente. Giunti alla casa proseguire verso destra per quello che dovrebbe essere il sentiero M14b, non indicato e tantomeno segnalato, che in meno di un'ora conduce alla cima. Occorre infatti di qui in avanti aguzzare la vista, proseguendo verso destra (sempre guardando a monte).
Dopo un centinaio di metri si trova l'inizio del sentiero coperto da manto erboso, ma facilmente individuabile dalle rocce laterali incastrate a terra. Dopo pochi metri il manto erboso lascia spazio a una bellissima massicciata che per circa venti minuti è ben visibile e comodamente supera il dislivello. Ad un certo punto incomincia la parte difficile del viaggio: la massicciata finisce o per lo meno, guardando in su, si vede a tratti, e davanti a sè si hanno spesso due o tre apparenti alternative di tragitto.
Visto che salendo (a differenza della discesa) è molto facile perde il vero sentiero, ma tuttavia si vedono evidenti tracce ed è comunque effettivamente proseguibile il cammino, è necessario ora l'uso della logica. Occorre costruirsi il tragitto più comodo e meno pericoloso possibile, lasciandosi dietro di sè un gran numero di segnavia personalizzati (le classiche colonnine di pietre) se si ha paura di non ricordarsi da dove si è passati.
Se lo avete perso, prima o poi si raggiunge nuovamente il sentiero originario, il quale, appena sotto la cima, prosegue verso le creste rocciose dell'Agnel limitandosi ad un'antica imposta di caccia. Quando si è giunti a questo punto, ovvero quando si vede il sentiero perdersi circa 500 metri più avanti e si ha sulla sinistra il lago, è necessario alzare lo sguardo verso destra, ovvero verso la cima, cercando di scorgere la croce di legno. Una volta vista, aiutandosi con le mani per una decina di metri, la si può raggiungere senza particolare pericolo.

altre annotazioni:
A quanto pare, questo era luogo molto frequentato dai reali, i quali qui venivano a cacciare. Questo spiega la pregevole fattura del sentiero.


Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Tor (Cima del) da San Giacomo per Lago del Vei del Bouc - (0 km)
Vej del Bouc (Lago) da San Giacomo di Entraque - (0 km)
Vej del Bouc (Col) da San Giacomo, anello per il del Lago dell'Agnel e Colle del Sabbione - (0 km)
Scandeiera (Cima) da San Giacomo - (0 km)
Agnel (Cime de l', Est e Ovest) e Cima di Vernasca da San Giacomo, anello per Passo dell'Agnel e Colle del Vei del Bouc - (0 km)
Federici Marchesini al Pagarì (Rifugio) da San Giacomo, anello per il Lago Bianco del Gelas - (0 km)
Fenestrelle (Colle di) da San Giacomo di Entraque - (0.1 km)
Aiera (Monte) da S. Giacomo di Entracque - (0.1 km)
Clapier (Monte) da San Giacomo per il Rifugio Pagarì - (0.1 km)
Soria Ellena (Rifugio) da S.Giacomo - (0.1 km)
Moncalieri (Bivacco) da S. Giacomo di Entracque, anello per il Rifugio Pagarì - (0.1 km)
Fenestrelle (Punta) da S.Giacomo di Entracque - (0.1 km)
Finestra (Cima ovest di) da San Giacomo di Entracque, via normale - (0.1 km)
Argentera (Giro dell') da San Giacomo d'Entracque (7 gg) - (0.1 km)
Laura (Cima) da San Giacomo di Entracque - (0.1 km)
Cusset (Serra) Anello San Giacomo, Rifugio Soria, Lago della Maura - (0.1 km)
Valletta Grande (Cima) da San Giacomo , anello per il Colle Vei del Bouc, Cima Valletta Piccola e Passo Carbonè - (0.1 km)
Pagarì (Cima) da San Giacomo d'Entracque per il passo Pagarì - (0.1 km)
Pagarì (Rifugio) da San Giacomo di Entracque - (0.1 km)
Pagarì (Passo) giro di Maledia e Gelas da San Giacomo (2 gg) - (0.2 km)
Rasur (Prà del) da S.Giacomo di Entracque - (0.2 km)
Gelas (Balcone del) da San Giacomo di Entraque, giro del Gelas (3 gg) - (0.2 km)
Maura (Lago della) da San Giacomo - (0.3 km)
Maledia (Passo della) da San Giacomo, giro della Maledia e dei Gelas (2 gg) - (0.5 km)
Vej del Bouc (Colle) da San Giacomo - (0.8 km)