Tour dei Cinque Cantoni (6 gg)

quota vetta/quota massima (m): 2478
dislivello salita totale (m): 14000
lunghezza (km): 680

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: GERPOK
ultima revisione: 02/09/14

località partenza: Domodossola (Domodossola , VB )

note tecniche:
L’itinerario permette di toccare, con un ampio anello in partenza e arrivo a Domodossola i più importanti passi alpini posti in territorio elvetico nell’area a cavallo dei cantoni Vallese, Uri, Berna, Grigioni e Ticino.

Le tappe qui proposte sono sicuramente impegnative e presentano dislivelli importanti ogni giorno, ma si possono agevolmente spezzare pernottando nei paesi di fondovalle, in cui non mancano le strutture ricettive.

descrizione itinerario:
Prima tappa (Domodossola-Grafschaft): partenza da Domodossola alla volta del Passo del Sempione (2.005 m), già in territorio elvetico, che si raggiunge dopo una ventina di km di salita su pendenze moderate e costanti. In molti tratti, soprattutto nella parte alta, è possibile utilizzare il percorso ciclabile, ben segnalato, che evita la statale e le sue gallerie. Lunga discesa, molto veloce, fino a Brig, dove si inizia la risalita nella Valle del Rodano, che, superando un dislivello di 700 metri circa, porta nella zona di Grafschaft-Ulrichen, dove è consigliabile pernottare.

Seconda tappa (Grafschaft-Andermatt): si continua a risalire la Valle del Rodano, tralasciando il bivio per il Nufenen Pass dopo pochi km, e quello per il Furkapass già oltre metà salita, strade che si percorreranno entrambe il giorno successivo, per affrontare le rampe del Grimselpass (2.165 m), e la veloce discesa verso Innertkirchen, dove si attacca la lunghissima salita del Sustenpass (oltre 28 km, 2.259 m). L’altrettanto lunga discesa conduce a Wassen e Goschenen, dove l’ultima salita di giornata regala il traguardo di Andermatt (NB: estate 2014, la strada di salita è vietata ai ciclisti, e la pista ciclabile chiusa per lavori; treno obbligatorio dunque – 8 CHF).

Terza tappa (Andermatt-Andermatt): tappa ad anello per percorrere il trittico Furka-Nufenen-Gottardo, che in poco più di 100 km racchiude alcuni fra i più spettacolari passi delle Alpi. Partenza da Andermatt direzione Furkapass (2.431 m), qualche km pianeggiante cui seguono ampi tornanti con buona pendenza verso il valico; discesa in Vallese (sosta d’obbligo all’Hotel Belvedere per ammirare il ghiacciaio del Rodano) fino al Ulrichen, dove si attacca l’impegnativa salita del Nufenenpass (2.478 m), senza respiro e con pendenze spesso a doppia cifra. Si entra in Ticino, scendendo fino ad Airolo dove inizia l’ascesa verso il San Gottardo (2.108 m) lungo la Via Tremola, tracciato storico quasi interamente in pavé con una serie di tornanti splendidamente tracciati davvero spettacolari, prima di un veloce rientro ad Andermatt scendendo sul versante opposto.

Quarta tappa (Andermatt-Locarno): lunga ma più facile delle precedenti, inizia con la salita all’Oberalppass (2.044 m), e la lunga discesa fino a Disentiis, dove si svolta a destra in direzione Lukmanierpass / Passo del Lucomagno (1.916 m), che si raggiunge dopo 18 km di salita che alternano rampe più impegnative a lunghi falsopiani. Si scende in Ticino, e a Biasca si imbocca la strada sulla sponda destra del fiume che conduce a Locarno.

Quinta tappa (Locarno-Lago Naret-Locarno): andata e ritorno per percorrere una delle salite più dure selvagge del Ticino, lungo le valli Maggia e Lavizzara fino al Lago di Naret. Oltre 30 km di ascesa con pendenze, negli ultimi 7 km, fino al 18 % su una strada stretta e poco frequentata, molto diversa insomma da quanto visto fino a questo momento.

Sesta tappa (Locarno-Domodossola): breve tappa finale per rientrare in Italia percorrendo la sponda ovest del Lago Maggiore fino a Cannobio e le Valli Cannobina e Vigezzo (alternativa meno trafficata ed assai più spettacolare della classica Centovalli).

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale