Spazzacaldera (Pizzo) Cresta NE + dente

difficoltà: 6a+ / 5a obbl / A0
esposizione arrampicata: Nord-Est
quota base arrampicata (m): 2400
sviluppo arrampicata (m): 360
dislivello avvicinamento (m): 150

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Garaca
ultima revisione: 31/08/14

località partenza: Pranzera (Bregaglia , Maloggia )

punti appoggio: Rifugio Albigna

bibliografia: Jurg von Kanel - Plasir Sud - Filidor

accesso:
da Chiavenna superare la frontiera di Castasegna con la Svizzera. Raggiunto la località di Pranzeira dopo circa 10 km. Prendere la funivia per la diga dell'Albigna. La funivia effettua il servizio dal 1 giugno al 30 settembre, dalle ora 7,00 alle ore 16,45. Si può pagare in euro. Dall'arrivo della funivia seguire la strada cementata fino alla casa custode della diga. Prendere il sentiero a dx e mirare la conoide di erba e detriti che scende dal canale della parete est dello Spazzacaldera. Rimontare un sentierino fino ad un salto più verticale con spit. Salire il salto e puntare ad un muretto con corda fissa di circa 2 metri. Salire circa 50-60 metri di sentiero a gradoni fino alla base di una placca con spit di sosta. ( circa 30 minuti) .

note tecniche:
Salite molto bella su granito eccezionale. Il primo tiro e la prima parte del quarto tiro sono varianti alla classica nord-est dei primi salitori. Soste attrezzate o facilmente attrezzabili sui tiri più semplici. In via chiodi e spit , utili friend e nuts.

descrizione itinerario:
Lunghezza 1 40 m. 4-5a-5b : variante alla classica,prevalentemente in placca e non banale, risalto a metà delicato sosta su spigolo.
Lunghezza 2 45 m. 4b : tiro fantastico su spigolo. Chiodatura a spit ottima ed abbondante. Sosta su terrazza.
Lunghezza 3 50m. 2 : entrare nella grossa spaccatura a sx della sosta, appena si sale in verticale uscire a dx , percorrere la grande cengia costeggiando la parete solcata da fessure e sostare su blocchi ( da attrezzare)
Lunghezza 4 30 m. 5a-4c : fessura iniziale variante alla classica. Fessura molto bella da salire in dulfer , alla fine della fessura chiodo, salire leggermente a sx e poi dritti fessure e lame fino a superare un muretto, dopo pochi metri chiodo ad anello di sosta sulla sx.
Lunghezza 5 50 m. 3+ : salire x placche verso sx, spit di passaggio, salire sempre tendendo a sx e sostare su spuntoni. ( da attrezzare)
Lunghezza 6 50 m. 4 : salire a sx verso la cresta, placche e lame fino ad un vecchio chiodo. Ancora a sx fino in cresta spit. Seguire il filo della cresta , esposto e molto bello, arrivati a spuntoni sostare. ( da attrezzare)
Lunghezza 7 50m. 3+ : proseguire sul filo dello spigolo o leggermente a dx fino ad un intaglio e da li x placche fino in cima.
Dalla cima effettuare una doppia da 10 metri sul lato opposto, seguire il sentierino a sx , scavalcare la sella di fronte e scendere x circa 5 m. sul lato opposto. In alto a dx su placca si nota uno spit ,siete alla partenza della salita al Dente.
Lunghezza 8 25m. 4c-5a -4 : salire alcuni massi e prendere una netta fessura. A sx per lama staccata ad una cengia con sosta di calata. Proseguire per fessura obliqua a dx o se preferite fessura obliqua a sx per arrivare ad un comodo terrazzo sotto la cuspide del dente, sosta su uno spit e spuntoni.
Lunghezza 9 20m. 6a+ (5a/A0) : salire la placconata della cuspide per una fessura ben chiodata. Incastro di mani e piedi anche dolorosi. Alcuni tratti sono azzerabili a fatica.

altre annotazioni:
La via è' molto bella ed in ambiante grandioso.