Alpetto e Valdobbiola (Passi) da Cà di Janzo, anello

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1354
quota vetta/quota massima (m): 2860
dislivello salita totale (m): 1630

copertura rete mobile
wind : 0% di copertura
tim : 20% di copertura

contributors: ferruccio fei
ultima revisione: 29/08/14

località partenza: Cà di Janzo (Riva Valdobbia , VC )

punti appoggio: Riva Valdobbia, San Antonio, Rif Carestia, Rif Sottile

accesso:
Da Riva Valdobbia salire a Cà di Janzo

note tecniche:
I sentieri sono tutti ben tracciati,e privi di difficoltà fino al Passo dell'Alpetto. Da lì fino alla Bocchetta bisogna prestare attenzione ad alcuni passaggi esposti o franosi.Superata la Bocchetta il sentiero ritorna facile.

descrizione itinerario:
Lasciata la macchina a Cà di Janzo (1354) si procede su strada e poi su sterrata seguendo le indicazioni per i Rif. Carestia e Sottile.
Alla prima indicazione a DX per il Rif. Carestia si sale nel bosco su sentiero mai ripido, giunti al bel Rif Carestia, procedere quasi in piano fino a raggiungere il Lago Bianco.
Aggirato il lago, lasciare il sentiero che sale al Lago Nero e all'altezza di alcuni roccioni salire i ripidi pendii segnati come 2a fino a giungere superata una piccola placchetta il Passo dell'Alpetto a m 2774.(vista sul Lago Nero)
Inizia da qui il tratto tecnicamente più impegnativo, con tratti esposti e talvolta franosi, che porta alla Bocchetta (2860.) Il sentiero è marcato 1b.
Siamo così arrivati in vista del Colle di Valdobbiola, dal quale scendiamo per raggiungere poco sotto l'Ospizio Sottile il sentiero 201 che ci riporta a Cà di Janzo

altre annotazioni:
Gita molto lunga che comporta un buon allenamento. Sconsigliato visto il tratto Passo dell'Alpetto-Bocchetta con tempo incerto e in senso orario.
Tempo percorrenza minimo 7h