Garzotto (Punta) via normale da Grand Brissogne

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord
quota partenza (m): 1044
quota vetta (m): 3274
dislivello complessivo (m): 2300

copertura rete mobile
tim : 60% di copertura

contributors: brusa
ultima revisione: 16/08/14

località partenza: Grand Brissogne (Brissogne , AO )

punti appoggio: Bivacco Menabreaz

cartografia: carta

accesso:
Dalla località di Brissogne, salire fino alla fraz. Grand Brissogne (ove è ubicato anche il municipio). Proseguire per un paio di km in direzione Les Laures su strada asfaltata. Un divieto di transito obbliga a percorrere a piedi un paio di km su strada sterrata (in molti non rispettano il segnale e salgono con le auto).

note tecniche:
La cima è ubicata tra la Grande Roise ed il colle di Leppe. E' quindi possibile salire anche dal vallone di Saint Marcel (Les Druges) accorciando notevolmente il dislivello ed lo sviluppo (meno panoramico però).

descrizione itinerario:
Dopo aver parcheggiato l'auto, si segue la poderale per un paio di km seguendo il segnavia numero 1 direzione laghi di Les Laures-bivacco Menabreaz.
Preso il sentiero, si risale lungo un sentiero pieno di felci ed altre piante passando vicino a numerose cascatelle. Si transita nella conca che ospita il lago delle Laures con la Est del Mont Emilius ad abbellire un contesto già strepitoso di suo.
Da qui si segue il segnavia n. 3 per il colle di Leppe. Il sentiero (ogni tanto lo si perde) passa sulla sinistra orografica del secondo lago. Superato il secondo lago, si volta alla propria sx e si risale fino al colle.
Dal colle:
- a dx si sale la punta di Leppe,
- a sx si sale sulla punta Garzotto.
Aggirando a sinistra (verso di marcia) alcune placche, si perviene alla croce di vetta risalendo facili blocchi con semplice arrampicata (attenzione pietre mobili).

altre annotazioni:
La cima è dedicata a Ilario Antonio Garzotto (fratello di Danilo) e Gianni Junod, caduti alle 9.30 circa del 29 settembre 1969 sulla parete S-E dell'Aiguille J.J.Croux (via Ottoz) nella catena del Monte Bianco.
Gli amici Cardellina, Massoni & C. hanno montato la croce di vetta con una targa commemorativa.