Casaletti (Cima dei) da Arvogno

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 1202
quota vetta/quota massima (m): 2417
dislivello salita totale (m): 1300

copertura rete mobile
tim : 20% di copertura

contributors: Larix66
ultima revisione: 05/08/14

località partenza: Arvogno (Toceno , VB )

cartografia: CNS 1:25000 f. 1311 Comologno

bibliografia: R. Armelloni, Alpi Lepontine, ed. CAI-TCI; G.F.Francese, Valle Vigezzo, ed. Tamari Bologna

accesso:
Da Toceno si esce dal paese in direzione Craveggia; prendere la strada a sinistra che conduce in circa 5 km ad Arvogno.

note tecniche:
Gita di medio sviluppo e dislivello, solo in parte su sentiero. il pendio finale è piuttosto ripido e franoso; non si segnalano altre particolari difficoltà. La salita dal pendio Sud-Ovest rappresenta una valida alternativa all'approccio per la cresta Sud proposta nelle relazioni presenti sui testi citati in bibliografia. Segnale telefonico assente per quasi tutto il percorso; presente e forte invece in vetta.

descrizione itinerario:
Da Arvogno si segue la strada fino al ponte sul Melezzo. In seguito si prosegue indifferentemente lungo la strada stessa (da qui in poi chiusa al traffico privato)o la mulattiera a destra che più in alto incontra nuovamente la strada. Dopo un tratto pianeggiante si arriva al ponte sul Rio Verzasco, oltre il quale si abbandona la mulattiera per salire lungo una traccia sui prati a sinistra, in direzione dell'Alpe Colla. Si prosegue oltre l'alpeggio fino a raggiungere il vallone di Campeia, da cui senza percorso obbligato o seguendo tracce di sentiero ci si porta in prossimità del Passo Campeia. Questo tratto di percorso è in comune con l'itinerario del Periplo della Pioda di Crana, numero 58657 (v.)
La zona si può raggiungere secondo altri percorsi, passando per l'Alpe Campo (vedasi itinerario 52966 Cima Campelli), transitando da Colla, Campeglia e Caseriola con partenza da Arvogno oppure, partendo da Crana, località Scarliccio, passando per Alpe Cortino e Anfirn. Questa scelta comporta un lungo tratto di strada parzialmente asfaltata interdetta al traffico privato.
Prima di raggiungere il Passo Campeia si sale direttamente verso la cima, non bene identificabile vista da questo versante; si lascia a sinistra un promontorio roccioso alla base del pendio e si sale tenendo come riferimento un poco marcato canalino detritico che porta ad una selletta appena a Ovest della cima, da cui in breve senza difficoltà si arriva alla vetta, contrassegnata da un ometto di pietre e da cui si diparte una cresta che prosegue in direzione Nord-Est verso l'alpe Forgnone.

altre annotazioni:
La cima è nota soprattutto per la cresta che la collega alla Pioda di Crana, la cui traversata è un classico itinerario alpinistico della zona, spesso abbinato alla cresta Nord della Pioda. La cima dei Casaletti offre un ottimo panorama sulle montagne ossolane e Vallesane, oltre che sulla Valle Isorno.