Bucie (Bric) Via Normale del Canalone Sud da Bout du Col

difficoltà: F+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1750
quota vetta (m): 2998
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Enrico
ultima revisione: 04/08/14

località partenza: Bout du Col (Prali , TO )

punti appoggio: Rifugio S. Bessone al Lago Verde, Bivacco N. Soardi

accesso:
Da Prali continaure sulla strada prima asfaltata e poi sterrata (condizioni discrete) che porta a Bout du Col 1698 m. Parcheggio a bordo strada.

note tecniche:
Questo itinerario permette di raggiungere la cima del Bric Bucie per la via piu' facile e con un dislivello inferior rispetto alla salita dalla val Pellice. Tuttavia lo spostamento e' superiore, anche se compensato dall' amenita' del percorso.

descrizione itinerario:
Da Bout Du Col seguire la stradina sterrata. Ad un bivio dopo circa 200 m seguire il ramo di sinistra che sale decisamente in un bel bosco. Raggiunto un primo piccolo pianoro seguire sempre la stradina che scende per circa 30-40 m di dislivello (trascurando il sentiero che parte in piano verso sx). Successivamente si riprende a salire per un tratto con decisione, si oltrepassa una zona con qualche saliscendi e dopo un ultima rampa il vallone si allarga. Lasciare la stradina che va verso dx e prendere il sentiero (indicazioni) che in lieve salita porta infine al rifugio Bessone al lago Verde (2583 m). Dal rifugio continuare su buon sentiero, lasciando il lago a sx (indicazioni) fino a giungere al colle Valpraveyere 2737 m da cui si scollina sul versante francese. Il sentiero continua con un bel traverso in leggera discesa. Trascurare la diramazione che porta alla cresta N e scendere per un tratto con decisione fino a vedere (quota 2650 m circa) un grosso ometto sulla sx che indica la diramazione verso il col Bucie. Seguirla con tratti non troppo agevoli fino a girare attorno alla cresta SW del Bucie e portarsi al col Bucie 2630 m. Da qui inizia la via del canalone S, ben segnata. Dopo un tratto ripdio su terreno erboso-detritico il percorso si infila nel canalone S e inizia una serie di catene che facilitano l'ascesa. In alcuni tratti la roccia e' piuttosto liscia e quindi occorre affidarsi con decisione alle catene. Si raggiunge infine una zona erbosa dalla quale su volge a sx. Un' ultima catena permette di superare agevolmente una placca (il passo finale per uscirne non e' protetto e richiede un minimo di attenzione). Si giunge cosi' sul versante W che si attraversa in piano per circa 20 m riprendendo poi a salire verso la vetta ormai vicina. Discesa per lo stesso percorso.