Grand Roc Noir Cresta SE

difficoltà: PD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1790
quota vetta (m): 3582
dislivello complessivo (m): 1800

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Teddy
ultima revisione: 02/08/14

località partenza: les Grattais (Lanslevillard , 73 )

punti appoggio: Refuge du Vallonbrun 2270 m

cartografia: Valli di Lanzo e Moncenisio - Vanoise

accesso:
Moncenisio-Lanslevillard-direzione Iseran. Poco prima del Col de la Madeleine, imboccare la sterrata a sx per il park "Les Grattais" (indicazioni).

note tecniche:
Il Grand Roc Noir è un picco dalla forma ardita, nel Parco della Vanoise, non visibile dal fondo valle se non da grande distanza come dell'inizio della discesa dal Moncenisio su Lanslebourg. La cresta SE corre parallela all'itinerario scialpinistico che, dal sito archeologico di "Pierre aux pieds", percorre il fondo del vallone a dx.

descrizione itinerario:
Dal park di Grattais 1790 m, col bel sentiero ed un ultimo tratto su sterrata, al refuge du Vallonbrun 2270 m. Da quì indicazioni per il sito "Pierre aux pieds" 2750 m. che si raggiunge con un lungo traverso e serpentine finali dell'ottimo e panoramico sentiero. Alle spalle del masso erratico, fittamente inciso tra il 700 ed il 200 aC come recita il pannello esplicativo, il torrione sommitale del Grand Roc Noir, è visibile al termine della lunga cresta che costituisce l'itinerario. Una debole traccia, al sommo del dosso morenico, porta al primo risalto di sfasciumi, ometti e tracce di camosci invitano al percorso migliore sempre comunque sul filo della cresta che divide i 2 valloni. Si alternano tratti ripidi e franosi (utili i bastoncini) a tratti piatti ed ampi sempre con ometti fino a quando la cresta diviene abbastanza sottile e di roccia più solida ed esposta. A dx si vede il ripido canale nevoso del percorso sciistico che sbocca sulla cresta a dx della vetta. Giunti ad un netto intaglio alla base di un arcigno salto della cresta, traversare pochi metri a dx per imboccare l'evidente ed un po' repulsivo canale di rocce nere da trattare con cautela che portano alla ormai vicina vetta. Poche possibilità di assicurazione. Discesa: per l'itinerario di salita oppure sul versante est del torrione sommitale, su rocce poco stabili fino al colletto dove termina il canalino nevoso del percorso sciistico. Quindi, lungo questo alla "Pierre aux pieds" toccando i resti del ghiacciaio du Pisselerand. In questo caso utili picozza e ramponi per il ripido canale se innevato.