Furggen (Cima di) o Tete de la Forclaz da Cervinia

difficoltà: F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 2006
quota vetta (m): 3490
dislivello complessivo (m): 1500

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: pinin
ultima revisione: 29/07/14

località partenza: Plan Maison (Valtournenche , AO )

accesso:
E' possibile abbreviare il dislivello partendo da Plan Maison utilizzando gli impianti di Cervinia

note tecniche:
Classico itinerario di scialpinismo, che porta alla stazione superiore dell’indimenticabile funivia del Furggen, molto frequentato nella tarda primavera con partenza da Cervinia, ma interessante anche senza gli sci (preferibilmente con un minimo di attrezzatura alpinistica)nella prima parte della stagione estiva, per l’incredibile imponenza del Cervino che incombe lungo l’intero percorso e per il panorama del gruppo del Rosa dal terrazzo della stazione sulla cima. In questo caso, per limitare un lungo e noioso tratto di avvicinamento, conviene partire da Plan Maison, raggiunto con gli impianti di risalita. Attenzione alla cornice in corrispondenza della sella prima dell’arrivo, che può essere molto aggettante e con lo scioglimento del manto nevoso a valle diventare difficilmente valicabile.

descrizione itinerario:
Partendo da Plan Maison (m 2550 circa) si percorre in falsopiano il segnavia n. 35 (direzione nord, verso il Rifugio Duca degli Abruzzi all’Oriondé) per quasi due chilometri (direzione nord), attraversando l’intero fronte delle piste da sci, fino alla stazione dismessa della vecchia seggiovia del Pancheron (m 2600 circa). Si comincia quindi a salire in modo più evidente e dopo circa duecento metri si può scegliere se percorrere per circa trecento metri la pista di sci del Pancheron e poi svoltare a sinistra sulla vecchia pista del Furggen, oppure proseguire con il sentiero 35 (direzione NW), fino a raggiungere la cresta morenica dell’antico ghiacciaio del Cervino, seguendone quindi la linea di cresta (direzione NE), e ricongiungersi alla stessa pista del Furggen (a quota m 2800 circa). Si prosegue per altri 600 metri (e 150 m di dislivello) lungo la morena, fino all’ampia conca dei colli del Breuil e del Furggen, dove generalmente inizia la quota neve (almeno fino a metà estate). Anziché proseguire nella conca verso i colli, si piega invece a destra (est) puntando direttamente la cima del Furggen, lasciandosi sulla sinistra i residui del ghiacciaio della Forca (o Forclaz), si superano alcune balze più ripide (35°), aggirando eventualmente a valle (in leggera esposizione) l’ultima rampa che conduce alla conca sotto l’uscita del tunnel della vecchia funivia (m 3350). Qui, a seconda delle condizioni di innevamento, si concentrano tutte le possibili difficoltà della via: indispensabili ramponi e piccozza; si risale il breve pendio via via più ripido (fino ad oltre 50°) che copre un dislivello di circa 80 metri fino alla sella che precede la cresta finale (a 200 m e 60 m di quota sotto la stazione). Il passaggio migliore si trova normalmente sulla destra, a fianco della bastionata rocciosa del tunnel, ma gli ultimi due metri potrebbero essere del tutto verticali e la cornice sommitale talmente aggettante da risultare insuperabile, a meno di un lungo e paziente lavoro di scavo. Nell’eventualità un possibile passaggio alternativo, anche se più esposto (da verificare) consiste nell’aggiramento del bastione roccioso a sinistra della sella. Segue l’ampia dorsale che in breve conduce al terrazzo panoramico della cima (m 3490).


Stazione Nivologica (Altre)

Maen - 1310m (7.7 km)